Top & Flop di Vibonese-Viterbese

16.02.2020 17:05 di Giacomo Principato   Vedi letture
Michele Emmausso, TOP
© foto di Andrea Rosito
Michele Emmausso, TOP

Non festeggiava una vittoria interna dall'ormai lontano 9 novembre la Vibonese che torna alle vecchie abitudini superando per 3-2 una Viterbese che pur lottando esce sconfitta dal 'Luigi Razza' di Vibo Valentia. Partono benissimo i padroni di casa che all'11' passano in avanti con Bernardotto e al 26' la raddoppiano con Bubas dal dischetto. Il calcio di rigore cambia, oltre che il punteggio, il numero di uomini in campo: a dover abbandonare la sfida è Baschirotto. I laziali proseguono così in dieci, ma non sarà un particolare problema. La squadra di Antonio Calabro serra infatti le fila e nella ripresa, sfruttando il calo di tensione della Vibonese, riacciuffa il punteggio con le zampate in mischia di Negro e Tounkara. La partita si indirizza verso un punto per parte, ma i padroni di casa non hanno ancora giocato l'ultima carta. Un ingenuo tocco irregolare di Antezza regala a Emmausso una punizione da zona defilata su cui l'ex Robur Siena e Cuneo prende la mira e supera Vitali facendo esplodere la tifoseria di casa. Con questo risultato i ragazzi di Giacomo Modica guadagnano terreno sulla zona salvezza, mentre quella di Antonio Calabro resta aggrappata al treno playoff.

TOP

Michele Emmausso (Vibonese): ha qualità da vendere il classe '97, il quale deve ancora esplodere definitivamente prima di potersi affermare come un elemento di sicuro affidamento per la categoria. Quest'oggi la decide con una punizione da vedere e rivedere. E il conto delle reti dell'esterno offensivo campano continua a crescere. TALENTUOSO

Lo spirito della Viterbese: gli errori ci sono stati, e anche evidenti, ma ai laziali va dato atto di aver giocato una partita gagliarda. In dieci dal 26' del primo tempo, la squadra di Antonio Calabro senza non pagare eccessivamente l'inferiorità numerica tanto da riuscire a rimettersi in carreggiata recuperando due reti. COMBATTIVI

FLOP

Il calo di attenzione della Vibonese: tra il 65' e il 70' ha luogo un blackout che rischia di compromettere le sorti di un intero pomeriggio. Troppe disattenzioni e un atteggiamento di sufficienza che, malgrado la superiorità numerica in termini di punteggio e uomini in campo, non può essere giustificata. Fortuna loro che ci ha pensato Emmausso. DISCONNESSI

La difesa della Viterbese: tralasciando l'ingenuità del tocco di mano di Antezza in occasione della punizione del 3-2, c'è molto da dire quest'oggi sulla prestazione della difesa laziale. Le prime due reti sono frutto di errori individuali oltre che di comunicazione all'interno dello stesso reparto. DA RIVEDERE