IL FATTO DELLA SETTIMANA - DIANA TORNA IN PANCHINA. CELJAK, FRANCO E CAPITANI IN CAMPO. RINNOVI PER FINK E MISTER DIONISI: E' GIA' TEMPO DI CALCIOMERCATO

24.11.2018 00:00 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
IL FATTO DELLA SETTIMANA - DIANA TORNA IN PANCHINA. CELJAK, FRANCO E CAPITANI IN CAMPO. RINNOVI PER FINK E MISTER DIONISI: E' GIA' TEMPO DI CALCIOMERCATO

Settimana incredibile quella che si è appena conclusa, tanto che ci fa già sentire in clima calciomercato. Tra ritorni in panchina e sul rettangolo di gioco, rinnovi e rescissioni per tentare nuove avventure, sono tante le trattative andate in porto negli ultimi sette giorni. Ed è solo un antipasto di quello che ci aspetterà tra poco più di un mese.

Riparte dalla Sambenedettese il terzino Vedran Celjak: il croato classe 1991 era rimasto svincolato dopo tre stagioni nelle file dell'Alessandria. Dal possibile accordo col Catania nel mese di giugno, si era ritrovato ad allenarsi con una squadra di Serie A della sua nazione nella speranza di una nuova chiamata. Ed ora è a disposizione di mister Roselli per aiutare i rossoblù a scalare la classifica. Anche a Monza sono cominciate le grandi manovre: dopo aver aggregato al gruppo, col nulla osta dell'Hellas Verona, il centrocampista Marco Ezio Fossati, la società di Berlusconi e Galliani ha ufficializzato l'arrivo di Filippo Lora, un altro centrocampista classe 1993, cresciuto nel settore giovanile del Milan, e con alle spalle cinque stagioni al Cittadella. Un investimento per il futuro visto che al giocatore è stato fatto firmare un contratto biennale. Unico neo? Potrà scendere in campo solo da gennaio. Opera di rafforzamento per il Siracusa che ha ingaggiato Michele Franco, terzino mancino classe 1985, che in carriera ha vestito le maglie di Bari, Como, Padova, Varese, Perugia e Salernitana e che lo scorso anno ha contribuito alla vittoria del campionato di Serie C del Livorno. Lo scorso settembre il giocatore sembrava essere ad un passo dal Pisa, ma l'affare è saltato definitivamente a causa della troppa distanza tra domanda ed offerta. Ha peregrinato un po' qua e là Matteo Capitani, centrocampista classe 1996, in questi mesi prima dell'approdo al Cuneo, ufficializzato qualche giorno fa: il giocatore ex Ternana, ma con esperienze anche con Derby County, Bologna, Parma, Livorno, Viareggio e Colligiana, è stato prima in prova al Siracusa per poi essere accostato al Matera.

Quindi gli addii: il Rieti ha siglato la rescissione consensuale con il mediano belga Marlon Lukinga Bina Lemba (classe 1998). Il giocatore ha salutato dopo aver vestito la maglia dei laziali in 4 occasioni, di cui 2 da titolare. Anche la Fermana si è affidata alla riisoluzione consensuale del contratto col centrocampista Vittorio Palumbo (classe 1998), giunto lo scorso settembre in gialloblù ma mai sceso in campo. Troppi tesserati in casa Pro Piacenza e così la società rossonera ha cominciato a sfoltire la rosa. Ad essere tagliati sono stati il portiere Vittorio Antonino (classe 1998), nessuna presenza con la maglia della squadra allenata da Maspero ma già accasatosi al Taranto e il difensore Adriano Esposito (classe 1999) che ha ricevuto il nulla osta per allenarsi con l’Avellino. Risoluzione consensuale infine tra il Rimini e il centrocampista Matteo Serafini (classe 1994): una sola presenza in biancorosso per il giocatore - arrivato su indicazione di mister Righetti la scorsa estate dall'Eccellenza, - in occasione della Coppa Italia Serie C.

Da segnalare infine il prolungamento di contratto del centrocampista Hannes Fink (classe 1989) con il Sudtirol. Il precedente accordo sarebbe scaduto al termine di questa stagione, ma il capitano degli altoatesini ha firmato un rinnovo biennale, con nuova scadenza fissata al 30 giugno 2021. Una vita in biancorosso oramai per lui: giunto infatti in squadra ad appena 13 anni, è poi diventato un calciatore professionista, indossandone la fascia di capitano da tre stagioni a questa parte.

Chiudiamo quindi con le panchine: per un tecnico che torna ad allenare, un altro che vede il suo exploit di questo inizio di campionato premiato con il rinnovo. Parliamo nel primo caso di Aimo Diana, nuova guida tecnica del Renate, che ha deciso di far tornare al suo vecchio ruolo di viceallenatore Gioacchino Adamo per affidarsi all'ex Sicula Leonzio che già nei giorni scorsi era stato vicino al Pro Piacenza che proprio ai nostri microfoni dichiarava: "Aspetto una chiamata da un club che mi affascini, a prescindere dalla classifica. Vorrei avere un progetto tecnico di valore sul quale lavorare". Il subentro in corsa è nelle corde di Diana che la scorsa stagione aveva avvicendato Pino Rigoli appunto alla Leonzio, portando i bianconeri ai playoff. Nel secondo caso invece si tratta di mister Alessio Dionisi, che - da matricola - sta facendo brillare la sua Imolese: l’ottimo avvio di stagione ha convinto la società a confermarlo alla guida del club rossoblu fino al 30 giugno 2022. Un onore ma anche un onere per il tecnico alla sua prima esperienza da professionista dopo Olginatese, Borgosesia e Fiorenzuola.