IL PROTAGONISTA DELLA SETTIMANA - FRANCO FEDELI, UN PRESIDENTE MAI BANALE

25.11.2018 00:00 di Marco Pieracci  articolo letto 1417 volte
Franco Fedeli
Franco Fedeli

"La Feralpisalò? Io lo dico sempre: gli ex giocatori non servono a niente, hanno grandi nomi ma restano ex. Non farò nomi perché non voglio offendere nessuno". La diplomazia non è mai stato il pezzo forte di Franco Fedeli: un presidente vulcanico, d'altri tempi, che dice sempre ciò che pensa, senza peli sulla lingua. A costo di essere impopolare e scatenare spesso polemiche. Così, dopo il ritorno al successo contro la Feralpi atteso da un mese, al patron della Sambenedettese è scappata una dichiarazione, probabilmente un po' eccessiva nei contenuti, ma comunque perfettamente nel suo stile. 

In un mondo del calcio dove imperano banalità e buonismo il numero uno rossoblu rimane uno dei pochi a differenziarsi dalla massa regalando sempre spunti di dibattito ed un pizzico di folklore. Qualcuno potrebbe legittimamente obiettare che Fedeli farebbe meglio a guardare in casa propria, visto che la sua squadra è al momento una delle grande delusioni di questa prima parte di campionato e ha otto punti in meno in classifica rispetto a quelli da lui etichettati come ex calciatori. Il fatto è che Fedeli non è nuovo uscite del genere, semplicemente perchè questo è il suo modo di comunicare, piaccia o no. Questa è la sua natura. Una natura che lo ha portato, subito dopo aver ricevuto una multa di 2.500 euro per lancio di petardi, a scrivere una lettera ai propri tifosi chiedendo espressamente di non macchiarsi più di tali gesti, in modo tale da risparmiare soldi ed investirli in un progetto di beneficenza. 

Proposta davvero originale e lodevole che ha ricevuto il pubblico encomio da parte del presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli: "E’ una proposta encomiabile. In consiglio direttivo proporrò che, nel caso si verificasse questa eventualità, noi metteremo nel progetto i 2.500,00€, cifra pari all’importo della sanzione che vi è stata comminata (fermo restando gli eventuali ricorsi che voi potreste fare e gli esiti che gli stessi potrebbero produrre). Una grande proposta che va sostenuta e ringrazio per avermi dato l’opportunità di fare un’azione positiva per la Lega Pro”.