LE SPERANZE DELL'ENTELLA, I RISARCIMENTI PER LE ESILIATE DALLA B E UN CAMPIONATO CHE PROVA A VIVERE. UN APPLAUSO A MISTER MAURIZI

Nato a Firenze nell'anno del Mundial spagnolo. Giornalista di TuttoMercatoWeb.com, direttore di TuttoC.com
29.10.2018 00:00 di Luca Bargellini Twitter:   articolo letto 3247 volte
LE SPERANZE DELL'ENTELLA, I RISARCIMENTI PER LE ESILIATE DALLA B E UN CAMPIONATO CHE PROVA A VIVERE. UN APPLAUSO A MISTER MAURIZI

La settimana che si è chiusa con la nona giornata (o per meglio dire parte di essa) di campionato è stata la sintesi perfetta di tutto quello che il mondo del calcio italiano ha vissuto negli ultimi mesi. Sentenze, polemiche, ribaltoni, prese di posizione e nuove sentenze. Tutto questo alla luce del sole, come se attorno non ci fosse nessuno che potesse assistere allo scempio del nostro pallone. Adesso la realtà dei fatti lascia poco spazio alle alternative: la Serie B non tornerà a 22 e le cinque società che finora hanno sperato nel ripescaggio dovranno, invece, puntare ad un indennizzo. Magra consolazione nonostante le richieste multimilionarie che i club in questione hanno in mente di presentare.

In tutto questo rimane ancora un grosso punto interrogativo sul futuro dell’Entella. I liguri non rientrano, come oramai sanno tutti, nel novero delle formazioni interessate al ripescaggio. Per questo la loro posizione rimane in ballo. Almeno fino a quando il TAR del Lazio si esprimerà in merito. Le sensazioni, in questo senso, rimangono positive: il CONI già da tempo ha dato il suo ok e le prese di posizione dalla nuova FIGC così come dal Governo con il sottosegretario Giorgetti inquadrano la situazione sui binari che il presidente Gozzi si augura da tempo.

Nel frattempo, però, in questa babele calcistica, c’è una parte di campionato va avanti. Fra alti e bassi. Alti come quelli della Feralpisalò che dopo le difficoltà iniziali è in serie positiva da cinque giornate: meglio anche del Pordenone primo in classifica e del L.R. Vicenza Virtus reduce dalla terza vittoria nelle ultime cinque giornate. Bassi come quelli che Matera e Paganese stanno mettendo in mostra nel girone C. I lucani nelle ultime cinque gare hanno messo a referto un solo punto e due invece sono quelli degli azzurro stellati.
E poi ci sono squadre in ripresa come il Teramo di Agenore Maurizi che dal cambio in panchina ha inanellato tre vittorie consecutive contro Fano, Monza e Ravenna.

Scampoli di calcio giocato in una miriade di polemiche. Polemiche che sono destinate a continuare. Ma il pallone durerà ancora di più.