Maledetta Serie B. Il Padova e lo spettro del Grifo. Bari, Polito la scelta giusta. Pronto lo scippo degli allenatori da parte dei club cadetti. Stagione 21/22, inizia il mese delle iscrizioni. In quante mancheranno di seguire le regole?

28.05.2021 00:00 di Luca Bargellini Twitter:    Vedi letture
Maledetta Serie B. Il Padova e lo spettro del Grifo. Bari, Polito la scelta giusta. Pronto lo scippo degli allenatori da parte dei club cadetti. Stagione 21/22, inizia il mese delle iscrizioni.  In quante mancheranno di seguire le regole?

Playoff, mercato e scadenze per la prossima stagione. Tre temi, molto diversi fra loro, che tengono banco in questo scampolo finale di maggio, ognuna di loro con il suo peso specifico per l’equilibrio della Serie C. Per questo la cosa migliore è affrontarli senza troppi fronzoli andando dritti al punto.

PLAYOFF - Qui la copertina, come detto ampiamente già nelle scorse ore, la merita il Bari e la sua eliminazione per mano della Feralpisalò. Senza nulla togliere ai “Leoni del Garda” è il ko dei Galletti a prendere il centro della scena per il modo in cui questo è avvenuto: ovvero senza neanche un gol in 180’. Un dettaglio, questo, che evidenzia in maniera netta come la squadra di Gaetano Auteri avesse più di una falla, ma che soprattutto non sia stata in grado di affrontare questi playoff togliendosi di dosso le scorie della stagione regolare. E’ stato, infatti, l’aspetto psicologico a pesare in maniera determinante sulle sorti della società della famiglia De Laurentiis che oggi è chiamata a dare subito un segnale forte. La probabile nomina di Ciro Polito (reduce dal ritorno in B della Juve Stabia e dalla successiva salvezza dell’Ascoli) come nuovo direttore sportivo e quella di Domenico Toscano come tecnico darebbero un’idea chiara a tutti di come la dirigenza biancorossa non voglia mollare l’osso.
Per quanto riguarda il sorteggio della seconda fase nazionale avvenuto ieri, tengo fede ai miei pronostici della vigilia, ma sono anche curioso di vedere l’approccio al campo del Padova. L’arrivo a pari punti col Perugia, poi promosso direttamente sulla base degli scontri diretti, deve bruciare ancora molto sulla pelle e nella testa degli uomini di Andrea Mandorlini e dopo un periodo così lungo lontano dalle gare quel “veleno” potrebbe essersi propagato ancora di più anziché essere scomparso.

MERCATO - Mentre da qualche parte il campo la fa ancora da padrone, ci sono società che hanno già iniziato a lavorare per la prossima stagione. Quello che da una parte spaventa, ma dall’altra rende orgogliosi è il probabile “scippo” da parte della Serie B di molti degli allenatori finora protagonisti in Lega Pro. Da Francesco Modesto in direzione di Crotone, passando per Massimo Paci che piace al Pordenone fino alla coppia Aimo Diana-Stefano Vecchi che si contenderanno con molta probabilità la panchina del Chievo Verona. In tutto questo c’è un Michele Mignani che, fresco di eliminazione ai playoff con il suo Modena, presto potrebbe trovarsi senza panchina visto il cambio di proprietà in seno ai canarini e l’altrettanto probabile arrivo al ‘Braglia’ del decano Attilio Tesser. Scommettere su di lui potrebbe essere la scelta giusta.

STAGIONE 2021/2022 - Esattamente fra un mese scadrà il termine ultimo per la presentazione della domanda di inscrizione al nuovo campionato. Come di consueto servirà presentare oltre a tutta la documentazione anche una fideiussione da 350mila euro con un istituto accreditato e certificato secondo specifici parametri già stati resi noti dalla Lega Pro. Indicazioni, queste, molto precise, ma che incredibilmente ogni anno vengono disattese da più di un club. Possibile sia così complicato capirle? Oppure che sia così facile venir frodati da talune società sulle garanzie che mostrano per potersi accaparrare il servizio? Domande, queste, che probabilmente rimarranno per sempre senza risposta. O meglio, le risposte ci sono e non ci vuole un genio per capirlo in 5’.