Tornano di moda le manette in Lega Pro, ma le norme della FIGC fanno sperare. Al via le nuove norme anti-Covid: e se fosse il Super Green Pass a decidere la stagione?

26.11.2021 00:00 di Luca Bargellini Twitter:    vedi letture
Tornano di moda le manette in Lega Pro, ma le norme della FIGC fanno sperare. Al via le nuove norme anti-Covid: e se fosse il Super Green Pass a decidere la stagione?

Fuori dalle finestre di chiunque di noi il freddo ha iniziato da farla da padrone. Qualche primo addobbo natalizio fa presagire che presto arriverà il momento giusto per regalarsi qualche gioia. Ma non è questo il giorno. Né probabilmente lo sarà domani. Perché? I motivi sono due.

La moda del momento? Le manette - La mattinata di oggi è stata scossa dagli aggiornamenti arrivati dalla cronaca cittadina (non quella sportiva) di Busto Arsizio e Teramo. Al centro dell’attenzione Roberto Galloro, presidente del Consorzio Sgai, società che ha appena rilevato la Pro Patria, arrestato nell’ambito dell’inchiesta su una maxi truffa nel settore energetico condotta dalla Guardia di Finanza di Aosta e i fratelli Mario e Davide Ciaccia, imprenditori titolari della Emgat, da poco al timone del Teramo, posti in stato di fermo sempre dalla Fiamme Gialle nell’ambito di un indagine per associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato.
Due inchieste che per la gravità delle accuse potrebbero bastare a tener banco per un anno intero, ma che sono piombati nel mondo della Lega Pro nel giro di pochissime ore.
Stando, però, a quanto emerso finora i legami tra i fatti contestati a questi personaggi e le due realtà sportive sono inesistenti. Come ha detto ai microfoni di TMW questa mattina lo stesso presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli: “Occorre monitorare la situazione ma le norme varate dalla FIGC nei mesi scorsi per il passaggio di quote superiori al 10% del pacchetto azionario dei club intervengono a salvaguardia delle società”.
Entrambe le nuove proprietà, infatti, non avevano ancora ricevuto dalla Federazione l’ok definitivo a seguito della documentazione sui criteri di onorabilità e sostenibilità economica. Se, dunque, le accuse di cui sopra dovessero essere confermate sia la Pro Patria che il Teramo tornerebbero ai precedenti proprietari. Che a quel punto dovranno trovare nuovi acquirenti oppure portare avanti loro stessi le attività sportive.

Il Super Green Pass deciderà la stagione? - A partire dal 6 dicembre entrerà in vigore per decreto del Governo Draghi il così detto “Super Green Pass” che modificherà nuovamente la regolamentazione per l’accesso e la fruizione di tutti gli spazi pubblici. Compresi, dunque, gli stadi, ma anche i mezzi pubblici che servono a tifosi, calciatori e tutti gli altri addetti ai lavori, per recarsi agli stessi e le strutture alberghiere necessarie per il pernottamento quando la gara in questione si disputerà fuori casa.
Un bel problema, questo, per tutte le società di calcio che al loro interno hanno tesserati, siano essi calciatori e/o dirigenti, non vaccinati. Questi, infatti, in base anche al colore della zona potrebbero essere costretti a rimanere fuori dagli impianti sportivi e agli hotel, rendendo dunque impossibile l’adempimento del loro lavoro. Assenze che potrebbero incidere in maniera profonda sul rendimento delle squadre e sull’andamento generale del campionato. Un fattore che ogni società, sia essa prima in classifica in Serie A o ultima in Lega Pro, dovrà valutare bene. Perché da lì passerà il loro destino.