INTERVISTA TC - Macalli: "Aggressione a Lo Monaco è atto ignobile"

27.11.2019 12:10 di Raffaella Bon   Vedi letture
© foto di Federico De Luca
INTERVISTA TC - Macalli: "Aggressione a Lo Monaco è atto ignobile"

L'ex presidente della Lega Pro, Mario Macalli, è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com per commentare gli ultimi eventi in casa Catania, con le dimissioni dalla carica di direttore generale di Pietro Lo Monaco, l'aggressione subita dallo stesso Lo Monaco in mattinata sul traghetto verso Reggio Calabria e la conseguente decisione del club etneo di non scendere in campo a Potenza in Coppa Italia questo pomeriggio.

La notizia della mattinata è l'aggressione a Lo Monaco
"Una cosa ignobile, assurda e che va punita. Spero che la polizia trovi subito i colpevoli. Non si può aggredire una persona perché ha fatto una scelta dolorosa, alla luce di quello che ha fatto per il Catania in questi anni."

Che ne pensa delle sue dimissioni da direttore generale?
"Sono state un atto ben ponderato e sofferto, conoscendo Lo Monaco. Sicuramente ha fatto tante cose positive e alcune negative però nel complesso c'è da salvare molto del suo lavoro. Si è dimesso da direttore generale, vedremo se resterà in carica come amministratore delegato fino alla fine della stagione oppure si dimetterà anche da quel ruolo nel prossimo consiglio di amministrazione."

Pensa che possa aver influito la diatriba col Comune di Catania?
"Forse sì ma il Comune ha fatto la sua parte politica. Io, come ex presidente di Lega, difendo sempre le società e dico che le amministrazioni comunali in queste cose dovrebbero entrare il meno possibile. Magari in questo momento la società ha qualche problema economico, ma il Catania Calcio ha fatto tanto per la città."

Intanto il club ha annunciato che non giocherà a Potenza
"La scelta di non giocare spetta soltanto alla società, l'aggressione è un fatto che verrà accertato dalla polizia, il campo è un'altra cosa. Se il Catania ha preso questa decisione si tratta di una scelta ponderata, che verrà presa anche insieme al Potenza e alla Lega. "