INTERVISTA TC - Maurizi: "Valori reali verranno fuori"

12.10.2021 17:30 di Raffaella Bon   vedi letture
INTERVISTA TC - Maurizi: "Valori reali verranno fuori"
TMW/TuttoC.com

Il tecnico Agenore Maurizi, intervistato da TuttoC.com, ha tratto un bilancio dell'avvio di stagione in Serie C e parlato di alcune delle sue ex squadre: "La Viterbese è un'ottima società, in cui si può fare calcio in modo sereno e professionale. Hanno un ottima squadra costruita con un budget importante per la categoria. Credo che farà alla fine un buon campionato".

Gira voce possa presto subentrare...

"Quando si sta fuori si spera, a malincuore, negli intoppi altrui. Vedo tanti club che sono stati costretti a cambiare obiettivo per risultati non in linea con le loro aspettative. Sono fiducioso di iniziare a lavorare quanto prima".

Cosa ne pensa dell'avvio del Teramo?

"Il Teramo come la Viterbese è un ottima società, con una bella tifoseria che saluto, e con la quale ho avuto un buon feeling come del resto con tutta la città. Hanno cambiato i programmi rispetto agli inizi dell’attuale proprietà, credo che stiano facendo un ottimo lavoro, indipendentemente dalle ultime due vittorie. Non avendo la pressione del risultato possono fare meglio rispetto ai due anni precedenti".

Diamo uno sguardo ai tre gironi.

"Io credo che alla fine i valori reali vengano sempre fuori. Per valori reali parlo di qualità di tecnici, calciatori e dirigenti. Le componenti per fare bene devono essere allineate su un un’oca linea guida, questo è un aspetto che non viene spesso considerato. Fatta questa premessa credo che nel girone A, Padova e Sudtirol siano in linea con gli obiettivi, Albinoleffe, Lecco e Renate sopra e la Triestina per adesso non proprio in linea con le ambizioni della piazza e della società.  Per il resto normalità".

Il Girone B?

"La Reggiana del mio amico Aimo Diana sta facendo molto bene. Cesena ed Ancona vere rivelazioni, Pescara ed Entella mi aspettavo meglio, così come dalla Viterbese. Occhio al Modena che può fare un campionato migliore ed è organizzatissimo. Come sempre un attenzione alle lotta per non retrocedere, sempre molto accattivante in questo girone. Per salvarsi non basta un punto a partita".

Chiudiamo con quello C.

"Bari in linea con programmi e ambizioni di piazza e società. Catanzaro e Palermo in forte ascesa. Sorprese Taranto e Turris. Avellino e Juve Stabia in ritardo ma con buone possibilità di risalita visto tecnici ed organici a disposizione. Qui rispetto al passato la lotta per non retrocedere sarà diversa perché finalmente si potrà contare sull’intero organico e non con una retrocessa in partenza".