INTERVISTA TC - Pesoli: "Carpi, esonero Pochesci mossa sbagliata"

25.01.2021 12:00 di Raffaella Bon   Vedi letture
Emanuele Pesoli
TMW/TuttoC.com
Emanuele Pesoli
© foto di Federico De Luca

Emanuele Pesoli, ex difensore del Carpi, è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com proprio per commentare la situazione in casa biancorossa, all'indomani della débâcle di San Benedetto del Tronto: "Ieri è stata una partita in cui i problemi della settimana si sono fatti sentire. La mancanza di tranquillità porta a questo. Sono andati in vantaggio, ma alla lunga si è vista la problematica mentale. E' arrivato infatti un esonero totalmente inaspettato: mandare via mister Pochesci - che io stimo molto pur non conoscendolo di persona - è stata una mossa sbagliata. Anche se non conosco i motivi e le dinamiche: questo però fa capire che nel calcio la programmazione a lungo termine e le promesse iniziali vengono sempre a mancare. Anche per mancanza di professionalità. E il calcio diventa poco credibile".

I tifosi iniziano ad avere perplessità.
"Li conosco benissimo, sono passionali ma discreti. Non sono invadenti, non entrano mai nei discorsi tecnici, ma chiedono solo che la squadra sudi la maglia e che si onori il Carpi Calcio. Quando però vedi che si creano determinate situazioni, come accaduto, con una squadra giovane che sta facendo discretamente bene, con un mister che era seguito al 100% dal gruppo, le colpe dell'opinione pubblica ricadono sulla dirigenza. E' normale ci sia malcontento ed è la società chiamata a mettere a posto questa situazione. Abbraccio tutti i tifosi che porto nel cuore: ero il loro capitano e ne sono fiero ancora ora".

Come pensa si dovrà intervenire in questa sessione di mercato?
"Il Carpi non deve fare tanto sotto l'aspetto del mercato. Ma deve puntare a un innesto per reparto, ma di esperienza. I giovani sono interessantissimi, potranno fare bene in futuro, ma devono essere aiutati da chi ha già dei campionati alle spalle, da chi conosce queste situazioni. Tutti corrono nel girone di ritorno e basta un attimo per trovarsi nei bassifondi: una squadra giovane che si ritrova a lottare per evitare i playout, rischia grossi problemi".

Come si può smaltire il 5-1 patito in casa della Samb?
"Porterà mancanza di certezze. Bisogna trovare assolutamente la tranquillità: deve essere ridata ai ragazzi, soprattutto la proprietà dovrà stimolare i ragazzi a credere nel nuovo tecnico".

Al netto del recupero di mercoledì contro la Feralpisalò, domenica ci sarà il Mantova di Troise.
"Sarà molto importante. Io seguo molto mister Troise, lo stimo, mi piace molto perché propone un calcio propositivo. Sta facendo molto bene a Mantova, non è un conservativo, ma affronta le avversarie a viso aperto. Sarà sicuramente difficilissimo. Ma mi auguro che il Carpi possa uscire da questa situazione e possa centrare l'obiettivo minimo della salvezza".