INTERVISTA TC - Piacenza, Pergreffi: "Siamo lì, lotteremo fino alla fine"

21.04.2019 13:00 di Patrick Iannarelli Twitter:    Vedi letture
INTERVISTA TC - Piacenza, Pergreffi: "Siamo lì, lotteremo fino alla fine"

Un centenario deve far riflettere. Anche perché non si compiono gli anni con numeri a tre cifre senza una base solida, soprattutto nel calcio. Lo sa bene il Piacenza, che continua ad inanellare risultati più che positivi: un punto dalla capolista e scontro diretto martedì sera proprio contro la Virtus Entella. In casa, davanti al proprio pubblico.

Vietato sbagliare, lo sanno tutti. Anche perché ci si gioca davvero molto. Antonio Pergreffi, difensore biancorosso, ha analizzato il momento della squadra in esclusiva ai microfoni di TuttoC:

Secondo posto in classifica ed un momento positivo: puoi fare un bilancio sulla stagione?

"Direi più che positivo, visto le cose che stiamo facendo. Eravamo partiti all'inizio per creare qualcosa di positivo, si è rivelata una grandissima annata. All'inizio non tutti si aspettavano di arrivare a questo punto con questo scarto, ma ora siamo lì, lotteremo fino alla fine per la promozione".

Franzini ha evidenziato più volte la forza del gruppo: che aria si respira?

Posso solo confermare. La forza del gruppo ti permette di creare lo spirito giusto. Complimenti anche alla società che ha preso giocatori in grado di creare questa coesione”.

Più volte si è parlato della difficoltà del Girone A: quali sono state le tue sensazioni?

Sicuramente è uno dei gironi più equilibrati e ci sono squadre retrocesse dalla serie B dello scorso anno. Ma anche compagini come Siena, Arezzo, Carrarese: c'è grande equilibrio, ogni partita poteva e può muovere la classifica. Ci sono state anche questioni extra-campo, noi abbiamo sempre seguito il nostro percorso senza pensarci, abbiamo fatto quello che ci ha chiesto il mister. Bisogna sempre dimostrare il proprio valore sul campo”.

Parliamo anche della tua stagione: sei soddisfatto?

"Sono più che soddisfatto, è un anno importante per la piazza e per la società. Nell'anno in cui si festeggia il centenario lottare per il campionato è la cosa più importante che ti possa capitare. Ogni singolo giocatore ha dimostrato l'attaccamento alla causa, anche per chi ha giocato un pochino meno. Quando c'è un gruppo forte e unito, tutti fanno la differenza".

Concludiamo con una domanda: in caso di promozione cosa farai?

"Non ci pensiamo assolutamente (ride, ndr). Ne parleremo soltanto dopo".