INTERVISTA TC - Viterbese, Tassi: "Due anni duri. Playoff? Ci crediamo"

14.04.2021 15:30 di Antonino Sergi   Vedi letture
INTERVISTA TC - Viterbese, Tassi: "Due anni duri. Playoff? Ci crediamo"
TMW/TuttoC.com

"A Reggio Calabria ho subito la rottura del crociato, mi sono operato al ginocchio anche l'anno dopo a Fano e al momento del mio rientro è arrivato il Covid. Sono stati sicuramente due anni duri per me, mi mancava segnare e soprattutto giocare". Due lunghi anni, tanto ha dovuto attendere Edoardo Tassi per tornare al gol mettendo così da parte gli infortuni che lo avevano fermato alla prima grande stagione da professionista. Un gol ed un assist nella sfida che ha visto la Viterbese trionfare nel posticipo con la Casertana ed a tal proposito l'ex attaccante di Reggina e Fano ha parlato così ai microfoni di TuttoC.com del suo nuovo capitolo della carriera.

C'è un pò di rammarico per come sono andate le cose?
"Ovviamente quando subisci due operazioni al ginocchio a vent'anni c'è un po' di rammarico, a Reggio mi sono fermato sul più bello con le partite di aprile da giocare ed i playoff. Preferivo avere questi infortuni molto più tardi".

C'è tanta voglia di rivalsa nella tua esultanza di lunedì sera.
"Più che voglia di rivalsa mi sono tolto qualche sassolino che mi dava fastidio nella scarpa, ho sofferto tanto in questi due anni ma questa sofferenza non mi ha fatto mai abbattere ma è stata una forza per me. Ogni tanto riguardavo i miei gol a Reggio, volevo tornare a fare quello che avevo fatto. Se l'attaccante fa gol, tutta la squadra beneficia".

Un gol ed un assist in una partita che contava molto per la Viterbese.
"Era una partita che ci tenevamo tanto, noi ci crediamo perché siamo a pochi punti dalla Casertana. Faremo di tutto per arrivare ai playoff, siamo una squadra che doveva fare i playoff senza alcun dubbio ma ci sono state delle difficoltà. E' giusto che in questi venti giorni daremo il massimo per la Viterbese".

Come vivi la concorrenza in attacco avendo compagni come Tounkara, Rossi e Murilo?
"Questo testimonia il fatto che i playoff sarebbero il minimo da fare, in allenamento si da tutto per giocare poi la domenica. Avere tutti questi nomi è qualcosa di bello, li hanno in poche società".

Cosa ne pensi del nuovo mister Maurizi?
"Mi ha impressionato in positivo, ci ha dato subito un'identità offensiva ed ha dato un segnale alla squadra con questo 4-2-3-1. E' un modulo dove giochi con il trequarti e tre attaccanti, significa che vogliamo noi fare le partite. Per noi attaccanti è soltanto un bene".

Quanto è reale l'obiettivo playoff?
"Ripeto, ci crediamo. Non era facile fare cinque gol alla Casertana, in dieci non è sempre semplice riuscire a fare gol perché chi è in inferiorità numerica si difende molto. Siamo comunque riusciti a fare cinque gol che ha fatto fin qui un campionato importante".