Livorno, Presta: "L'imprenditore è interessato, ora tocca ai soci"

15.06.2021 12:45 di Dario Lo Cascio Twitter:    vedi letture
Livorno, Presta: "L'imprenditore è interessato, ora tocca ai soci"

Guido Presta, vice presidente del Livorno, con una nota ha aggiornato circa la possibile cessione del club amaranto: “In riferimento ad alcune notizie uscite sui giornali nella giornata di ieri e nella giornata di oggi, posso solo confermare che ieri sera (ho anticipato di un giorno) c’è stato, solo con il sottoscritto, l’incontro con l’imprenditore che ha mostrato interesse per l’acquisto del Livorno. Sinceramente non penso sia importante dove sia avvenuto (ho visto nomi di città sparse per tutta Italia) ma penso sia importante risolvere al più presto la questione del Livorno Calcio. Riconfermo che da parte mia non c’è stato nessun contatto con l’imprenditore Maurizio Rullo per l’acquisto del Livorno”.

“L’imprenditore interessato al Livorno mi ha chiesto massima riservatezza, come tra l’altro è giusto avvenga per una trattativa importante come questa. Da parte mia ritengo positiva questa sua decisione. Purtroppo nell’ultimo periodo troppe persone si sono avvicinate al Livorno senza poi concludere nulla creando solo incertezza e confusione in una piazza che vorrebbe solo serenità e riprendere a parlare solo di calcio. L’obbiettivo principale in questo momento da parte mia è trovare la persona adatta a riportare serenità a Livorno soprattutto in termini economici. Poi toccherà ai soci decidere cosa fare e cosa accettare nell’assemblea del 23 giugno, senza dimenticare che tra i soci c’è anche il fallimento della Lucentissima (l’azienda di Mauro Ferretti, ndr), che ahimé è la situazione più delicata”.

“Qualora dovesse andare in porto la trattativa, che poi nient’altro è la dimostrazione della reale solvibilità per portare avanti il Livorno e la reale cognizione da parte dell’acquirente della parte debitoria e creditoria, che sia con questo imprenditore o con Popovic (venerdì ci sarà un nuovo incontro con quest’ultimo), bisognerà poi ‘unire’ i soci per l’uscita di scena e penso che questa uscita potrà essere gestita solo dal buon senso della famiglia Spinelli. Questa è la situazione attuale”.