Padova, Mirabelli: "Dobbiamo ringiovanire la rosa. Prima mercato in uscita"

27.06.2022 13:30 di Valeria Debbia Twitter:    vedi letture
Massimiliano Mirabelli
TMW/TuttoC.com
Massimiliano Mirabelli

Rispondendo alle domande dei giornalisti nel corso della conferenza stampa odierna, Massimiliano Mirabelli, direttore sportivo del Padova, ha evidenziato anche come verrà composto il futuro organico biancoscudato ma ha glissato su approfondimenti riguardanti l'allenatore (che aveva già annunciato verrà presentato giovedì): "Le caratteristiche della rosa? La cosa più importante è che dobbiamo ringiovanire, veniamo da una squadra abbastanza datata e abbiamo la necessità di profili giovani, anche se ci vorranno anche giocatori di esperienza. I giovani dovranno essere la struttura portante per avere una base. Pescheremo da tre bacini diversi: giovani di categoria, il nostro settore giovanile e anche uno sguardo ai giovani delle big. Ma non aspettatevi annunci giornalieri. Dobbiamo costruire una squadra con quelle che sono le difficoltà di fare prima il mercato in uscita". 

"Tecnico? Le cose certe che posso dire è che verrà presentato giovedì. Prima di giovedì faremo un comunicato stampa. Quale sarà l'obiettivo? Ci regoleremo sul discorso annuale a livello contrattuale. Non dobbiamo far perdere l'entusiasmo al nostro azionista e guardiamo all'annualità. Dico per mia ipotesi personale che Joseph (Oughourlian, ndr) vorrà vedere se il discorso del Calcio Padova interessa solo a lui o anche a qualcun altro. Deve interessare al tessuto sociale della città, agli imprenditori padovani". 

"Se si risveglierà la città faremo altri investimenti. Non dobbiamo regalare illusioni facili alla gente. Dobbiamo restare coi piedi per terra e guardare in faccia alla realtà. Dobbiamo pensare che il nostro azionista mantenga il Padova in modo importante e dignitoso. La base solida è il proprietario che è molto importante. E' lui il nostro top player da tenerci stretto, senza di lui il giochino non va avanti".

"Chiricò e Ronaldo? Dobbiamo abbassare il monte ingaggi, ma se parliamo dei singoli giocatori dobbiamo rimandare a quando parleremo con l'allenatore".

"E' lecito pensare che il Padova sarà ancora protagonista? Non credo ci sia un azionista come Joseph nelle 60 società, ce ne saranno 2-3, noi abbiamo comunque un budget importante. Stiamo iniziando comunque una stagione importante, con una squadra che saprà che ci saranno 3-4 squadre nel nostro girone sopra di noi, ma non ci arrendiamo: lanciamo la sfida. Il Padova partiva sempre primo eppure non ci è mai arrivato. Stiamo iniziando un nuovo ciclo dove dobbiamo svecchiare la squadra, puntare sui giovani, rimodellare il nostro sistema tecnico. Ma dobbiamo avere un grande entusiasmo: ognuno di noi dovrà dare qualcosa in più per pareggiare il gap con le altre".

"Ronaldo era il capitano di quella partita (la finale di ritorno playoff, ndr) e ha fatto un gesto che non si fa in generale tanto più se sei capitano, per di più in mondovisione, ha fatto una figura di merda e l'ha fatta fare a tutti noi. Multa? Le cose le dobbiamo fare anche senza dirle, se volete saperlo il giorno dopo è partita la richiesta. Non si può fare ciò che si vuole e restare inosservati".