Pergolettese, Albertini: “Successo merito dei ragazzi e di Contini”

17.11.2019 21:10 di Anna Catastini   Vedi letture
Pergolettese, Albertini: “Successo merito dei ragazzi e di Contini”

Prima vittoria in casa Pergolettese, alla prima di Fiorenzo Albertini sulla panchina gialloblu. Ai microfoni del sito ufficiale, Albertini ha commentato il 2-1 all’AlbinoLeffe con grande modestia: “Per la legge dei grandi numeri, prima o poi  la vittoria doveva arrivare. Questo successo da’ il giusto merito al lavoro che hanno fatto i ragazzi, indipendentemente dai risultati passati, il merito va’ a loro e il primo pensiero va’ anche a mister Contini. L’atteggiamento è stato buono, indipendentemente dalle difficoltà del primo tempo. Abbiamo fatto delle correzioni durante l’intervallo, che poi i ragazzi  hanno messo in pratica nella ripresa in cui abbiamo giocato senza timori reverenziali.  La partita e’ stata preparata in questi cinque giorni e i ragazzi hanno messo in campo quello che avevamo provato in settimana: la partita da fare per me era questa.”

Nuovo punto di partenza: “Quello che a me interessava era l’atteggiamento della squadra. Le partite si possono pareggiare o perdere, ma quello che conta e’ come si sta’ in campo. La svolta che ho chiesto ai ragazzi era proprio questo: l’atteggiamento in campo. Purtroppo domenica scorsa, per una serie di fattori, le cose sono andate male, e per la prima volta siamo tornati delusi, proprio per quello che non siamo riusciti a fare. Quello che ho chiesto ai ragazzi stasera è stato di entrare in campo e fare tutto quello che e’ nelle nostre potenzialita’ e che abbiamo provato negli allenamenti. Ero talmente contento della squadra in campo, che se non fosse stato per qualche problema muscolare, gli undici iniziali li avrei tenuti in campo fino al novantesimo; tatticamente erano perfetti. Adesso comunque stiamo coi piedi per terra, abbiamo vinto solo una partita e ce ne restano ancora molte da giocare: deve essere un trampolino per rialzarci in classifica. A volte il destino fa’ delle cose strane, sono capitato io sulla panchina nella prima vittoria, ma il merito viene da lontano, è il lavoro fatto da tutti fino ad oggi.”