Pergolettese, Manzoni: "Sarà emozionante tornare al Piola"

20.09.2019 13:10 di Antonino Lo Re   Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Pergolettese, Manzoni: "Sarà emozionante tornare al Piola"

La Pergolettese nella quinta giornata del girone A farà visita al Novara. In vista della gara contro i piemontesi, Alessio Manzoni, capitano dei gialloblu, ha parlato delle sensazioni che proverà nel giocare a distanza di pochi mesi dall'ultima volta sul sintetico del "Silvio Piola. Proprio in questo stadio il classe 1987 e compagni vinsero lo spareggio per la Serie C contro il Modena. Queste le dichiarazioni del giocatore riportate dalla pagina Facebook del club lombardo: "Sicuramente sarà emozionante rientrare in questo stadio, per un attimo la mente tornerà a quel pomeriggio e la gioia che abbiamo vissuto. Però durerà solo un momento perché stavolta sarà  tutta un’altra storia. Siamo in un’altra categoria, che ci siamo guadagnati con pieno merito, e dimostrare di avere tutte le carte in regola per rimanerci. Già da domenica dovremo dare i segnali che siamo una squadra che le partite le fa bene, che siamo in crescita". 

Sul Novara: "Affrontiamo una squadra che questa categoria la sta facendo da tempo, anzi è arrivata anche più in alto. Ha in organico giocatori importanti e con tanta esperienza, ma noi siamo contenti di quello che stiamo facendo e della crescita che abbiamo avuto finora gara dopo gara".

Sulla squadra: "Siamo in crescita e i risultati sono lì a dimostrarlo. Abbiamo iniziato sapendo di dover pagare dazio con la nuova categoria. Le prestazioni e l’impegno non sono mai mancate. Con un po’ di malizia in più, un po’ di cinismo maggiore, ci ha permesso di conquistare questi due punti che per noi sono stati importanti. Oltre che per la classifica anche per la mentalità nostra e la consapevolezza dei nostri mezzi.”

Sulla concorrenza: "Se è una concorrenza leale che ben venga. Sappiamo che in serie C bisogna essere sempre pronti. Ci stiamo allenando molto bene; anche il livello degli allenamenti sarà sempre elevato: chi starà meglio giocherà".

Sul campionato: "Il livello si è molto alzato, anche nelle piccole realtà. La qualità generale si è elevata di molto. Prima c’era la C2 che faceva da filtro, tra la serie D e la C maggiore. Adesso con la selezione che c’e stata, ha fatto si’ che le 60 squadre di questo campionato siano tutte agguerrite e di qualità alta. Di conseguenza aumentano le difficoltà e la competitività, ma ne guadagna anche lo spettacolo e ne abbiamo avuto già la prova in queste prime gare. Le partite sono state tutte giocate a gran ritmo e con molta energia in campo. Sarà una stagione spettacolare.”