Top & Flop di Como-Renate

26.01.2020 20:35 di Stefano Scarpetti   Vedi letture
Ganz Top Como
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Ganz Top Como

Si è chiuso il confronto giocato al "Sinigaglia" fra Como e Renate, valido per la 23^ giornata del girone A di terza serie: 2-0 il finale a favore dei padroni di casa. Secondo successo consecutivo fra le mura amiche per i lariani, mentre i nerazzurri dopo quella di Pontedera subiscono la seconda battuta d'arresto consecutiva in trasferta. La truppa di Banchini dimostra di esaltarsi con le Big, ricordiamo il pareggio di Monza e la vittoria interna contro il Pontedera soltanto per citare alcune prestazioni da parte degli azzurri, dall'altra parte la truppa di Aimo Diana si è accesa solo a tratti subendo la maggior determinazione ed intensità degli avversari, commettendo anche alcuni insoliti errori in difesa. In cronaca consueto 3-5-2 per il Como, due sono le novità rispetto alla formazione annunciata alla vigilia, scendono in campo H'Maidat e De Nuzzo mentre Raggio Garibaldi e Iovine inizialmente si accomodano in panchina, il Renate si affida ad una sorta di 3-4-2-1 schierando Galuppini e Grbac alle spalle di Plescia. Si fanno preferire i padroni di casa sul piano del palleggio, ma alcuni errori innescano pericolose ripartenze avversarie: al 10' Guglielmotti sulla destra mette in mezzo un pallone dove non arriva nessun compagno. Al 20' doppia occasione per i brianzoli, prima Plescia si fa ipnotizzare da Moschin poi Galuppini mette sul fondo, i lariani non si intimoriscono dal pericolo appena corso, anzi crescono in maniera palese fino al 33' quando l'arbitro comanda il penalty per fallo di Baniya su Ganz. Dagli undici metri l'attaccante con una freddezza olimpica supera Satalino con una esecuzione perfetta. Nella ripresa Aimo Diana ne prova tutte nel tentativo di cambiare l'inerzia del confronto rivoltando la sua squadra come un calzino, cinque cambi nel breve volgere di venti minuti ma la squadra fatica ad incidere, si scopre esponendosi fatalmente al contropiede avversario. Ganz sfiora a metà ripresa il raddoppio, prima Satalino si oppone al suo tiro sulla ribattuta salva Damonte nei pressi della linea. Il 2-0 comunque arriva in seguito ad un calcio di rigore assegnato per fallo di Satalino sullo scatenato Peli, dagli undici metri Ganz non perdona mettendo il punto esclamativo sulla gara. Vediamo i migliori e i peggiori del confronto: 

TOP

Ganz (Como): l'attaccante trasforma per due volte dagli undici metri altrettanti rigori mostrando grande freddezza e precisione, così facendo mette a frutto il lavoro di tutta la squadra, capace di fornire una prestazione di livello assoluto vincendo meritatamente contro un cliente difficile come il Renate. Potrebbe segnare anche su azione ma non ci riesce, ma la prestazione è ottima. DETERMINANTE

Guglielmotti (Renate): l'unico a salvarsi in una delle prestazioni più opache della stagione dei nerazzurri, lui spinge costantemente sulla destra divenendo un costante punto di riferimento alla fase offensiva, le poche iniziative dei brianzoli nascono dai suoi piedi mostrandosi molto ispirato ed incisivo. PUNGENTE

FLOP

Nessuno nel Como: se questa squadra trovasse continuità e riuscisse a replicare questo tipo di prestazioni con le squadre di medio-bassa classifica potrebbe salire in classifica, e ambire ad un piazzamento di tutto rispetto in ottica playoff. La prestazione odierna dei lariani è stata al limite della perfezione, concesso poco in difesa, dinamismo qualità e quantità negli altri reparti. PRESTAZIONE MAIUSCOLA

Galuppini (Renate): numerosi giocatori della formazione brianzola a non essere al Top questa sera, per il numero 14 una delle poche partite in stagione dove non è riuscito ad emergere, solo un tiro da buona posizione che non inquadra la porta. Esce ad inizio ripresa dopo una gara in cui ha faticato molto. IN OMBRA