Fermana, Cognigni: "Mi aspettavo più considerazione per la squadra"

14.05.2021 21:20 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
Luca Cognigni
TMW/TuttoC.com
Luca Cognigni
© foto di Uff. Stampa Fermana

Luca Cognigni, attaccante della Fermana, che a marzo ha dovuto subire una operazione chirurgica a causa della frattura di tibia e perone che lo ha costretto a chiudere anzitempo la stagione, è intervenuto in conferenza stampa per parlare del recupero: "Sta andando tutto secondo i tempi, ho fatto una visita di controllo, la dottoressa che mi ha operato era molto contenta, ho recuperato la mobilità della caviglia bene, l'obiettivo mio personale è quello di poter essere pronto per l'inizio del ritiro, sperando che magari il campionato slitti almeno a metà settembre. E' comunque presto per fare ipotesi, ci sono tanti step da fare prima e ogni settimana bisognerà fare valutazioni. Ora cercherò di togliere le stampelle in una decina di giorni, per metà giugno correre e poi aumentare i carichi e ritrovare la condizione. Fortunatamente ho due mesi e mezzo pieni".

Cognigni si è tolto anche qualche sassolino dalla scarpa, dopo che la squadra gialloblù ha ottenuto la salvezza: "Il mio miglior anno? Credo che a livello di prestazioni lo è stato, anche se forse sono stato più decisivo l'anno scorso. La mia condizione fisica era al top, forse perché prima non mi era stata data quel tipo di continuità. A prescindere da tutto, però, penso che la squadra abbia fatto bene anche dopo il mio infortunio. Purtroppo a Fermo si percepisce sempre negatività e questo dispiace. Quest'anno è stato fatto qualcosa di importante per come era iniziata la stagione, visto che c'è stato un momento di difficoltà col cambio di allenatore. Quest'anno i playoff non sono arrivati per qualche episodio sfortunato. A dicembre ho letto e sentito molte cose, si diceva che questa squadra non fosse all’altezza, che tutti avrebbero firmato per i playout perché rischiavamo l'ultimo posto. Il mercato ci ha dato una mano, ma l'obiettivo è stato raggiunto ampiamente, con due giornate d'anticipo. Mi aspettavo più considerazione per la squadra, più soddisfazione ed entusiasmo, invece non l'ho percepito ed è una cosa che mi è successa anche in anni precedenti".