Ravenna, il DS Sabbadini: “Sicuramente resterò qui”

26.05.2019 22:30 di Anna Catastini   Vedi letture
Ravenna, il DS Sabbadini: “Sicuramente resterò qui”

Il Ravenna è stato, insieme all’Imolese, una delle rivelazioni del Girone B di Serie C, conquistando anche l’approdo nei playoff, dove si è dovuto arrendere alla FeralpiSalò. A torneo ormai concluso, il Direttore Sportivo del Ravenna, Matteo Sabbadini, ha tracciato un bilancio al portale “SetteSere.it”: “Il bilancio di quest’annata è super positivo. Oserei dire esaltante per tutti, perché abbiamo raggiunto tanti obiettivi: quello iniziale era di mantenere la categoria e l’abbiamo centrato due mesi prima della fine del torneo; poi siamo entrati nei playoff ad un mese dal termine ed abbiamo superato il primo turno contro una delle squadre nobili del girone, il Vicenza. Direi che siamo andati ben oltre le aspettative”.

Bilancio personale: “E’ stata un’esperienza fantastica, la migliore nella mia carriera di giocatore e direttore sportivo. Una stagione piena di emozioni, abbiamo raggiunto traguardi importantissimi e siamo usciti a testa alta dai playoff, solo per colpa di un pareggio e del peggior piazzamento in classifica. Con un pizzico in più di fortuna saremmo potuti andare avanti e chissà cosa sarebbe potuto succedere dopo. Abbiamo costruito un’ottima solidità di gruppo, ci abbiamo creduto veramente perché si era creato qualcosa di unico. Sarà dura ripetere un anno del genere”. 

Sulle strategie per la prossima stagione: “Sono discorsi prematuri perché abbiamo appena finito la stagione. Insieme al mister e al presidente programmeremo la prossima annata più avanti. La mia permanenza? Sì, sono sicuro di rimanere. Il mio percorso qui non è ancora terminato, sicuramente andrò avanti con il fuoco dentro; come ho detto cinque anni fa, per me essere al Ravenna è come essere al Real Madrid. Lavoreremo più carichi di prima. L’obiettivo, come per il 60-70 per cento delle squadre di Lega Pro dell’anno prossimo, sarà quello di mantenere la categoria”. 

Ha avuto dei contatti con delle società di serie B? “Sì, ci sono stati dei contatti, è inutile negarlo, qualche chiamata è arrivata. Sia dalla serie B che dalla serie C. La mia volontà però è quella di rimanere a Ravenna. Mi ha fatto piacere perché vuol dire che in questi anni ho lavorato bene. Sono state più chiacchierate informali che offerte vere e proprie”.