Paris: "Ero pronto ad acquisire Viterbese, ma richieste non collimavano"

25.06.2019 16:00 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Paris: "Ero pronto ad acquisire Viterbese, ma richieste non collimavano"

Dopo essere stato preso di mira nel corso della conferenza stampa di ieri di Piero Camilli, presidente della Viterbese (“Io non gli ho chiesto una lira e la Viterbese la regalo anche oggi. Lui è venuto a farsi pubblicità su un Maserati preso a noleggio”, ndr), Gianni Paris ha voluto replicare dalle colonne di TusciaWeb.eu: “Ho letto le sue dichiarazioni e sono stupito – ha spiegato l’avvocato -. Ovviamente l’auto è mia e non è assolutamente presa a noleggio, chi farebbe mai una cosa del genere? Non capisco le motivazioni che hanno spinto Camilli ad attaccarmi ma posso dire che anche sulla trattativa non è andata come dice lui. Io ero pronto ad acquisire il club con la fideiussione già pronta ma la sua richiesta economica era diversa dalla mia offerta, tutto qui. Non c’erano margini di trattativa e ci siamo lasciati in maniera civile. Magari l’avesse ceduta a titolo gratuito ma non è affatto così“.