Top & Flop di Catanzaro-Potenza

20.10.2019 19:57 di Antonio Battaglia   Vedi letture
Ferri Marini, TOP Potenza
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
Ferri Marini, TOP Potenza

Il Potenza batte a domicilio il Catanzaro per 0-2, nel big match valido per la decima giornata del girone C di Serie C, e si conferma al primo posto in classifica con 23 punti. Il primo tempo inizia subito in salita per i giallorossi: Riggio si fa sorprendere da Murano, il numero 11 si trova a tu per tu con Di Gennaro e calcia verso la porta, trovando però la respinta del portiere giallorosso. Al 18' sono le Aquile a sfiorare il vantaggio: Nicastro, servito da Celiento, stoppa di petto e si avvia a tu per tu con Ioime, che riesce poi a bloccare la sfera. Tre minuti dopo, ancora brivido per il Potenza: sugli sviluppi di un corner, il pallone arriva a Riggio, che a pochi passi dalla porta colpisce di testa a botta sicura, beccando però il legno superiore. Il Catanzaro è aggressivo, ma trova di fronte a sé una retroguardia molto attenta. L'esatto contrario di quella giallorossa, che al 38' confeziona la rete ospite: Riggio allontana ingenuamente nella zona centrale del limite, il pallone arriva a Ferri Marini che vede Di Gennaro fuori dai pali e sfodera di prima un preciso tiro dai venti metri. La ripresa inizia con un Catanzaro che prova a gestire il match con uno sterile possesso palla, a dispetto del Potenza che sfiora il raddoppio: al 5', Ferri Marini supera Maita, penetra in area e serve Murano, che piazza un tiro in porta facile da neutralizzare per Di Gennaro. Minuto 56, occasionissima per le Aquile: Statella dalla destra prova a mettere in mezzo, Ricci respinge e il pallone arriva a Celiento, il quale sfodera una potente conclusione dal limite che viene deviata di poco sopra la traversa. Da questo momento in poi è un assolo Potenza, più organizzato e cinico degli avversari. Al 58', Ferri Marini approfitta di un clamoroso buco difensivo e prova il tiro verso la porta: Di Gennaro, però, è sulla traiettoria e controlla il pallone. Dieci minuti dopo, ecco il raddoppio dei lucani: Ferri Marini supera Statella sull'out mancino e mette in mezzo per l'accorrente Ricci, lasciato libero dal centrocampo di colpire a rete. Il resto del match è ordinaria amministrazione per il Potenza, che contiene senza problemi gli attacchi dei padroni di casa. 

Di seguito, i Top & Flop del match:

TOP

Nessuno tra le file del Catanzaro: un deciso passo indietro rispetto alla prestazione di Reggio Calabria. Primo tempo incoraggiante, concluso con diverse occasioni sprecate e lo svantaggio generato dalle ingenuità di Riggio e Di Gennaro. La seconda frazione, invece, è da brividi: mai un'azione pericolosa dalle parti di Ioime, regalo del centrocampo sullo 0-2 di Ricci, tanta confusione e poca reattività. E' il primo passo falso in casa, che si aggiunge ad una mole enorme di problemi: mal di trasferta, difesa fragile (10 gol subiti) e nervosismo in campo. COSI' NON VA

Ferri Marini (Potenza): assoluto man of the match. Sigla la rete del vantaggio con una magnifica intuizione, impensierisce diverse volte la retroguardia giallorossa e serve a Ricci l'assist decisivo per il 2-0. Una costante spina nel fianco della debolissima difesa avversaria. MVP

FLOP

Kanoutè (Catanzaro): con Bianchimano fuori servizio e Fischnaller acciaccato, era l'uomo chiamato a scardinare la migliore retroguardia del campionato. Prestazione incolore, tanto disordine e poca fantasia in avanti. Un lontano parente del Kanouté visto fino ad ora. ECTOPLASMA 

Nessuno tra le file del Potenza: una vera capolista. I ragazzi di Raffaele controllano abilmente le sterili iniziative offensive del Catanzaro: organizzazione e cinismo, le armi di una squadra che si candida seriamente a diventare la sorpresa di questa Serie C. Vittoria meritatissima, grazie anche ad un meccanismo difensivo straordinario. CHAPEAU