Viterbese, anno zero. Camilli cede le redini a Romano

19.07.2019 07:00 di Dario Lo Cascio Twitter:    Vedi letture
Viterbese, anno zero. Camilli cede le redini a Romano

Alla fine tanto tuonò che piovve. Piero Camilli ha ceduto la Viterbese Castrense, la creatura nata nel 2013 quando l'imprenditore fuse la sua ADC Castrense con la ASD Real Poor Viterbo e portò in gialloblu il titolo sportivo. Un'avventura iniziata nel campionato di Eccellenza. L'immediata promozione in Serie D e poi, nel 2016, il ritorno tra i professionisti.

E' stato un rapporto burrascoso quello tra Camilli e la Viterbese, che comunque non è stato parco di soddisfazioni, in ultimo il successo in Coppa Italia Serie C sul Monza di pochi mesi fa. Ma poco dopo l'eliminazione ai playoff, il patron ha annunciato la sua ferma intenzione di cedere il club. 

E questo è avvenuto ieri, quando a prendere le redini della Viterbese è stato Marco Romano. "Sono felicissimo di essere qui ma chiedo pazienza alla piazza: vogliamo costruire un progetto a lungo termine. Che riguardi soprattutto i giovani, a cui aggiungere alcuni innesti over di qualità. Non svenderemo nessuno. Non cederemo i nostri giocatori migliori sotto contratto, nonostante le sirene di mercato, salvo offerte irrifiutabili che sono certo non arriveranno". Queste le prime parole di Romano, che ha anche chiarito sui quadri tecnici e l'allenatore: “Con Calabro siamo a buon punto, stasera e domani ci rivedremo. Per quanto riguarda lo staff, Tito Corsi sarà responsabile tecnico e Marco Lancetti ds. per gli altri componenti dello staff attuale vedremo e valuteremo, saremo lieti di lavorare con gente valida che sposa il nostro progetto".

Per quanto riguarda i giocatori citati dal nuovo presidente dei laziali, si tratta del portiere Pini, rientrato dal prestito all'Arzachena, dei difensori Atanasov, Messina, Mignanelli e Milillo, dei centrocampisti De Giorgi e Palermo, degli attaccanti Pacilli, Vandeputte, Molinaro e Svidercoschi. Per alcuni di loro effettivamente le richieste non mancano. 

Il progetto della nuova Viterbese però finalmente può partire. Un nuovo anno zero per i colori gialloblu.