Il fatto della settimana - Falsa partenza a Imola: l'Ancona perde sul campo ma vince fuori

19.03.2023 00:00 di Marco Pieracci Twitter:    vedi letture
Il fatto della settimana - Falsa partenza a Imola: l'Ancona perde sul campo ma vince fuori
TMW/TuttoC.com
© foto di Luca Rotili

La sportività è un valore fondante, non negoziabile, che dovrebbe essere alla base dello sport ma che spesso e volentieri finisce con l'essere dimenticato, sacrificato sull'altare del risultato da perseguire a ogni costo ricorrendo a ogni mezzo lecito e meno lecito. Bene, quanto successo mercoledì a Imola nella gara fra Imolese e Ancona, valida per il turno infrasettimanale di Serie C è passato quasi sotto traccia ma è un esempio da elogiare. Prima dell'ingresso in campo delle squadre, si scopre che manca l'ambulanza, obbligatoria per poter dare il via al match e comincia così una lunga attesa: lo speaker annuncia un ritardo di venti minuti sulla tabella di marcia che invece poi diventerà di oltre cinquanta, sforando il limite dei quarantacinque previsto dal regolamento. Visto che a rispondere dell'organizzazione è la società di casa a questo punto l'Ancona avrebbe le condizioni tecniche per farne una questione di principio chiedendo la vittoria di tavolino, ma a prevalere è il buon senso.

Così dopo un confronto fra arbitro, procura federale e squadre, una volta arrivato il mezzo di soccorso la partita può avere finalmente inizio ed a vincerla con merito è l'Imolese, peraltro in maniera beffarda per gli ospiti puniti da un gol dell'ex Tulli, ironia della sorte, in pieno recupero. Di polemiche dopo il fischio finale però nemmeno l'ombra, anzi: il giorno dopo il club dorico pubblica una nota ufficiale nella quale ricostruisce l'accaduto senza neanche citare la parola ricorso sottolineando come la decisione di temporeggiare sia stata presa anche in segno di rispetto verso i tifosi accorsi allo stadio, perlopiù in un giorno feriale. Ecco perché, pur se la classifica dice il contrario, a vincere è stata anche l'Ancona.