INTERVISTA TC - Piacenza-Entella, DS a confronto: Matteassi vs Superbi

21.04.2019 06:00 di Claudia Marrone Twitter:    Vedi letture
INTERVISTA TC - Piacenza-Entella, DS a confronto: Matteassi vs Superbi

Tra i paradossi che la folle estate del calcio ha regalato c'è quello che è stato lasciato in eredità alla Serie C: il girone di andata si conclude quando è prossimo all'archiviazione quello di ritorno, perché mancano ormai due sole giornate al termine della regular season. Che nel Girone A vede un solo recupero da giocare, quello della 9^ giornata tra Piacenza ed Entella, fissato a martedì 23 aprile al "Garilli", che ospiterà appunto le due squadre, prime due forze del raggruppamento.
In una sorta di intervista doppia, TuttoC.com ha contattato i due DS, Luca Matteassi per gli emiliani e Matteo Superbi per i liguri.

Due giorni al big match: come sta la squadra moralmente?
Matteassi:
"Il morale è a mille, stiamo benissimo. Giovedì abbiamo centrato un'importante vittoria contro un'ottima squadra che, senza penalizzazioni sarebbe ai playoff, ho davvero visto un'ottima Lucchese. Ma il Piacenza non muore mai: in Toscana ho visto un gruppo meraviglioso, forte, che non molla".
Superbi: "La squadra sta bene, dopo il k.o. di Busto Arsizio ha dato la risposta che ci aspettavamo, i ragazzi hanno sempre saputo reagire alla sconfitte. E' vero che la vittoria è arrivata nel finale, ma è stata meritata, anzi, avremmo anche potuto chiudere prima il match, di occasioni ne abbiamo avute. Abbiamo dato un ottimo segnale al campionato".

Quando è decisiva la partita di martedì?
Matteassi:
"Adesso è la gara delle gare, quella decisiva".
Superbi: "E' una gara importante, ma non so se sarà decisiva. E' uno scontro diretto: potrebbe divenire determinante in caso di vittoria nostra o dell'avversario, che sta per altro facendo un ottimo percorso".

Chi vincerà potrà considerarsi già in Serie B?
Matteassi:
"Se l'Entella centrerà i tre punti sì, potrà dirsi in Serie B. Per quanto invece riguarda noi, dopo la gara contro i liguri avremo due partite molto dure, ma non dobbiamo fare nessun tipo di calcolo: dobbiamo solo pensare a vincere".
Superbi: "Chi vince avrà sicuramente ottime possibilità, ma il calcio insegna che due gare ancora da giocare sono tante, negli anni è successo anche l'impensabile proprio nel rush finale. A ogni modo, i tre punti sarebbero un'ipoteca importante verso la Serie B".

Quanto si sente l'obbligo del primo posto?
Matteassi:
"Il nostro primario obiettivo era stare più in alto possibile, poi è diventato stare attaccati all'Entella: di obbligo non parlerei, ma siamo li, in classifica intendo. Faremo di tutto per vincere. Giocheremo anche in casa, ci saranno tante persone a incitarci e, comunque vada, credo che questo sarà il giusto premio per i ragazzi e per tutto quello che hanno fatto per raggiungere la B".
Superbi: "Proprio questa settimana, ho voluto parlare ai ragazzi: abbiamo iniziato il campionato tre mesi dopo, con 9 gare da recuperare, ma loro hanno svolto un lavoro molto importante, e il nostro obiettivo è adesso renderlo fantastico. I tre mesi di gap si sono sentiti, ma abbiamo sempre dato dimostrazioni importanti, tenendo quasi sempre il 1^ posto e una media punti che è stata la più alta di tutte, anche quando avevamo gare in meno".