Carrarese, l'agente Franco Zavaglia: "Con Russotto vi divertirete"

07.02.2012 18:40 di Luca Santoni  articolo letto 2581 volte
Fonte: Il Tirreno
© foto di Image Sport
Carrarese, l'agente Franco Zavaglia: "Con Russotto vi divertirete"

Dopo lo splendido esordio di Andrea Russotto con la maglia della Carrarese, interviene sulle pagine de Il Tirreno il suo procuratore Franco Zavaglia. L'agente del talentuoso centrocampista non ha dubbi: con l'ingaggio dell'ex Livorno la Carrarese ha messo a segno un colpo da novanta. C'è da credergli, non solo per le magie che Russotto ha regalato al pubblico di Carrara contro la Triestina, ma anche perché Zavaglia è uno che di campioni se ne intende. Grande esperto di calciomercato, è stato per anni il procuratore storico di Francesco Totti, ma nel suo parco assistiti troviamo, tra gli altri, Aquilani, Bovo, Stellone e Mastronunzio. In passato ha curato gli interessi di Schelotto e Giannichedda. Ma torniamo ad Andrea Russotto. Era difficile fare meglio all'esordio: prima una traversa spettacolare che meritava maggior fortuna, poi due assist al bacio conditi da scatti e dribbling spettacolari.

"Non ero a Carrara – dice Zavaglia - ma mi hanno raccontato tutto quello che Andrea ha fatto in campo. Per me non è una novità, perché lo conosco bene. Credetemi quando dico che quello che avete visto è un Russotto al cinquanta, massimo sessanta per cento. Questo ragazzo era un campione, poi magari si è un po' perso per varie situazioni. Aveva solamente bisogno di trovare un ambiente dove poter crescere e riacquistare fiducia, senza assilli vari e senza subire dei torti, come gli è accaduto in passato. Purtroppo alcuni personaggi del calcio non riescono ancora a sopportare certe cose, in un mondo reso difficile da invidie e insofferenze. Russotto è motivatissimo; basta mettergli una mano sulla spalla e il ragazzo dà tutto. Ora mi auguro che abbia trovato l'ambiente giusto a Carrara. Con Nelso Ricci abbiamo fatto un certo programma, vediamo di poterlo seguire insieme". Insomma, la Carrarese è fortunata ad aver pescato un campione del genere, che appare sprecato per la Lega Pro. "La sua realtà – prosegue Zavaglia - è la serie A. Lui non ha niente a che vedere né con la C, né tanto meno con la B. Purtroppo a Livorno ha avuto un infortunio che lo ha frenato, poi alcuni personaggi non hanno sfruttato al massimo Russotto dal punto di vista caratteriale, quindi c'è stato qualche problema. Adesso vediamo di rimettere il ragazzo in pista e farlo ripartire. Io penso che almeno fino a giugno avrete da che divertirvi, nello stesso tempo speriamo che la Carrarese faccia un ottimo campionato". Già, fino a giungo. Il bello dell'operazione Russotto è che il giocatore appartiene completamente alla Carrarese, il brutto è che il contratto scade a fine stagione. Però, come nel caso di Cori (trattenuto a Carrara, ma promesso al Cesena a campionato finito), esiste un patto: "Io – spiga il procuratore - ho un impegno con Ricci. Viste tutte le maldicenze che c'erano in giro su Andrea, magari non c'era molta fiducia intorno al ragazzo". La Carrarese, invece, ha creduto in Russotto dandogli la possibilità di rilanciarsi e per questo "certe promesse saranno rispettate. La Carrarese avrà una corsia preferenziale su di lui". Termina Zavaglia. In altre parole la Carrarese potrà godere di un'opzione su Russotto: si aprono quindi scenari estremamente interessanti sia sotto l'aspetto tecnico che economico.