Top & Flop di Monza-Renate

10.03.2013 18:52 di Valeria DEBBIA   vedi letture
Paolo Valagussa (Monza)
TMW/TuttoC.com
Paolo Valagussa (Monza)
© foto di Jacopo Duranti/TuttoLegaPro.com

Termina 2-1 la partita tra Monza e Renate, valida per la nona giornata del girone di ritorno di 2^ Divisione. Ecco Top e Flop della gara.

TOP:

Andrea Gasbarroni/Paolo Valagussa (Monza): oramai è la coppia-gol dei biancorossi. Dopo il match vinto col Vallée D'Aoste, i due si ripropongono insieme nel tabellino marcatori anche questa domenica. Il primo è sempre al centro del gioco e dai suoi piedi partono sempre le palle più pericolose (anche se a volte è evidente che pecca in egoismo). Il secondo - da vero rapace dell'area di rigore riesce a ribadire in rete la traversa di Vita - in extremis. Capitan Grauso nel post-partita svela poi un gustoso retroscena sul gioiellino del vivaio biancorosso: "Nonostante già fossero in campo cinque uomini d'attacco, Paolo a un certo punto mi ha detto di voler andare anche lui a posizionarsi in area del Renate". Instancabile. I NUOVI GEMELLI DEL GOL

Jacopo Mantovani (Renate): dimostra di essere l'uomo in più dei nerazzurri, dando consistenza in mezzo al campo. Macchia la prestazione con un ammonizione, rendendosi autore di uno dei tanti falli su Vita. CONVINCENTE

FLOP:

I subentrati (Monza): mister Asta cerca di sfruttare la superiorità numerica, sbilanciando la squadra all'attacco. Ma in effetti i tre subentrati in corso d'opera (Cattaneo per l'acciaccato Giorgi; Finotto per Calliari e Laraia per Anghileri), pur dando nuova linfa alla squadra non paiono incidere in maniera consistente. NON DETERMINANTI 

Mister Antonio Sala (Renate): sente il match contro la sua ex squadra in maniera esasperata. Cerca da subito lo scontro con mister Asta, polemizzando da una panchina all'altra. Toni sempre sopra le righe, tanto che alla fine viene persino espulso per proteste. In sala stampa appare come una meteora (giusto 60 secondi dura la sua conferenza) ed è una furia contro Monza, tecnico biancorosso e arbitro. Un po' più di stile non farebbe male. AGITATO SENZA UN PERCHE'