Top & Flop di Robur Siena-Pisa

07.11.2018 23:15 di Giacomo Principato  articolo letto 2156 volte
© foto di DiLeonforte/TuttoCesena.it
Top & Flop di Robur Siena-Pisa

I derby vanno giocati con cuore, grinta e carattere e la Robur Siena questa sera ne ha saputo qualcosa. La squadra allenata da Michele Mignani ha battuto in serata il Pisa nello storico derby che lega le due città toscane. Una sfida durata ben più di cento minuti per via delle lunghe interruzioni e che ha visto il suo inizio in un primo tempo dove le occasioni da rete sono un po' latitate, salvo poi concretizzarsi all'inizio della ripresa. Proprio nel secondo tempo una zuccata di Ettore Gliozzi su di un calcio d'angolo battuto da Aramu ha aperto alla formazione di casa la via che porta al vantaggio. Il Pisa, annichilito e stordito dalla rete dell'attaccante in prestito dal Sassuolo, ha cercato di rimettere sui binari giusti la contesa tramite l'ausilio dei suoi uomini migliori. A frapporsi però tra la rete e la porta è stata, oltre che alla mancanza della giusta dose di cattiveria, la prestazione di un reattivo Nikita Contini bravo a salvare i suoi nelle fasi clou della gara. Ospiti che possono recriminare in particolar modo per due occasioni, entrambe capitate a De Vitis: la prima sprecata nel primo tempo e la seconda che ha incontrato il riflesso dell'estremo difensore di casa. Buona l'entrata in campo da parte di Di Quinzio, la sua qualità è un'arma dalla quale i nerazzurri devono prescindere. Vediamo adesso i Top & Flop della sfida:

TOP

Gliozzi (Robur Siena): la prima vittoria stagionale passa dalla sua testa, precisamente quando la usa per mettere alle spalle di Gori una rete dal valore pesantissimo. Si muove bene facendo reparto con Cianci, segno che l'intesa tra i due sia in aumento, e cerca di aggredire lo spazio appena ne ha la possibilità. Menzione anche per Contini, decisivi i suoi interventi nei momenti principali della contesa. DECISIVO

Di Quinzio (Pisa): inizia dalla panchina, e per D'Angelo è forse stato un errore. La sua entrata a gara inoltrata dà comunque ai suoi una spinta in più per credere nella rincorsa al pareggio e aggiunge una freccia all'avanzata nerazzurra. Peccato che nella sua occasione più grande vada incontro a un Contini davvero attento, sarebbe stata una prodezza da numero dieci quale lui è. SVEGLIO

FLOP

Nessuno tra le fila della Robur Siena: va bene, sarebbe servita più attenzione in determinate circostanze ma la prova offerta dai bianconeri dimostra quanto detto da Mignani: la squadra non è mai mancata sotto l'aspetto psicologico. E oggi lo dimostra alla grande. Una partita tesa e in cui era vietato sbagliare diventa crocevia per una pronta risalita verso i piani che una società di questo blasone meriterebbe. GRINTOSI

Masucci (Pisa): l'esperto attaccante vive una serata anonima, tanto da essere sostituito ancor prima della fine del primo tempo. Non che Cuppone, entrato al suo posto, abbia fatto scintille ma in partite del genere l'esperienza e la forza di un giocatore offensivo dal curriculum come quello del campano ci si aspetta la grande gara. Complice l'attenzione della difesa casalinga finisce per vedersi poco, dopodiché il cambio. ASSENTE