Feralpisalò, Pesce: "Si rivivono paure che mi raccontarono i miei nonni"

24.03.2020 21:15 di Dario Lo Cascio Twitter:    Vedi letture
© foto di Fotolive/Feralpisalò
Feralpisalò, Pesce: "Si rivivono paure che mi raccontarono i miei nonni"

Simone Pesce, centrocampista della Feralpisalò, intervistato da BresciaOggi, ha dichiarato: "Ora abito a Brescia. Ma io sono di Latina. Ho avuto modo di ripensare ai racconti dei miei nonni che, partiti dal Veneto (Treviso, Verona), parteciparono alla bonifica dell'Agro Pontino. Molti dei 50 mila operai reclutati morirono per la malaria, nella disperazione più nera. E le vicende della guerra (i bombardamenti, i morti, la miseria), e della successiva ricostruzione. Oggi, per certi versi, si stanno rivivendo le paure di allora. No, non facciamo la fame, ma le preoccupazioni non mancano". 

"Finire qui il campionato? È un'opzione, ma sarebbe importante che i campionati ripartissero anche a porte chiuse. Gli spettatori vedrebbero le partite in Tv. Sarebbe come riaccendere una fiammella".