Top & Flop di Potenza-Rende

10.02.2019 18:55 di Valentino Bonetti  articolo letto 1600 volte
Top & Flop di Potenza-Rende

Si è chiusa sul risultato di 0 a 0 la sfida tra Potenza e Rende giocata alle 16,30 allo stadio “Alfredo Viviani” e valevole per la 25^ giornata del Girone C. In avvio di gara tutto confermato (o quasi) nel Potenza, dove Raffaele rinnova la fiducia a Breza tra i pali, dopo l'ottima prestazione offerta in Coppa Italia in settimana. Il modulo dei rossoblu è il consueto 3-5-2. Rende schierato da Modesto con il 3-4-3 nel quale ci sono gli innesti di Bonetto in mediana e Leveque nel tridente offensivo. Prima frazione di gioco molto combattuta, poi al 31' l'episodio che potrebbe cambiare l'inerzia del match: França entra in ritardo su Franco a palla già allontanata, rosso diretto per il capitano del Potenza, che dovrà giocare in inferiorità numerica per il resto della partita. L'espulsione però provoca l'effetto opposto perché le occasioni migliori le hanno proprio i padroni di casa nel recupero del primo tempo (ben 5 i minuti concessi dal direttore di gara, a causa delle molte interruzioni). Prima Coccia approfitta di un retropassaggio errato della retroguardia del Rende, ma Savelloni chiude la porta in faccia all'esterno rossoblu. Lo stesso estremo difensore del Rende si ripete poco dopo sulla conclusione dall'interno dell'area di rigore di Leveque. Nella ripresa la musica con cambia con il Potenza sempre attento in difesa ed il Rende che fatica molto ad impensierire Breza e così le porte restano inviolate fino alla fine. Un buon punto comunque, al termine di una gara combattuta, a tratti anche nervosa (sei gialli ed un rosso il computo totale) che permette alle squadre di muovere la classifica e di salire a quota 31 (Potenza) e 32 (Rende) in classifica. Ecco top e flop della gara appena conclusa:

TOP:

La compattezza del Potenza: espulso França, ci si aspettava un Rende dilagante ed invece la gara è rimasta equilibrata, grazie alla solidità dei rossoblu che non si sono affatto disuniti e, giocando con un 3-5-1-1, hanno raddoppiato gli sforzi per coprire ogni zolla del sintetico del “Viviani”. UNITI ALLA META

Luca Savelloni (Rende): l'espulsione di França rinvigorisce gli avversari, che sul finire del tempo provano a far male alla squadra di Modesto trovando un portiere molto bravo a chiudergli la porta in faccia. Si disimpegna sempre con estrema sicurezza, anche quando si tratta di uscire sui calci piazzati sempre insidiosi di Emerson. CONCENTRATO

FLOP:

Carlos França (Potenza): il referto arbitrale ed i replay chiariranno (forse) se il contatto a centrocampo tra i capitani di Potenza e Rende fosse effettivamente da rosso diretto. Sta di fatto, che da un giocatore di grande esperienza come lui, ci si aspetta sempre un comportamento corretto e che non rischi di pregiudicare la gara della squadra. AVVENTATO
La fase offensiva del Rende: vero che il Potenza difende bene ed è veramente ben messo in campo da Raffaele, ma la sterilità offensiva dei biancorossi è preoccupante dato che la conclusione più pericolosa creata dalla squadra di Modesto è un tiro-cross di Zivkov al 76'. DA RIVEDERE