Il fatto della settimana - Riapertura totale degli stadi: ci siamo. Entro fine anno si torna alle vecchie abitudini

26.09.2021 00:00 di Marco Pieracci   vedi letture
Il fatto della settimana - Riapertura totale degli stadi: ci siamo. Entro fine anno si torna alle vecchie abitudini
© foto di PhotoViews

La riapertura totale degli stadi prima del nuovo anno, difficilmente pronosticabile fino a poche settimane fa, potrebbe diventare realtà. Tutto sembra andare in questa direzione anche se manca ancora il via libera da parte del CTS. In ogni caso prima sarà necessario un passaggio intermedio. Ad annunciarlo in settimana è stato il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, confermando le indiscrezioni cominciata a circolare nella giornata di mercoledì: “Il Governo s’è preso un impegno ben preciso – ha dichiarato nel corso del programma Radio Gol, in onda su Radio Kiss Kiss - il 30 settembre faremo una verifica per capire la possibilità dell’aumento delle capienze. Il quadro è positivo e dobbiamo essere contenti. Dobbiamo procedere con prudenza e non paura, a fine mese rivedremo le capienze degli stadi”. 

In sostanza, il piano è quello di passare sin da ora ad una capienza maggiorata rispetto a quella attuale (50%) per poi andare a pieno regime entro la fine del 2021: “Prevedo sin da subito di poter arrivare al 75 o 80% della capienza negli stadi. Dobbiamo convivere con questo virus. Prima o poi arriveremo al 100% delle capienze negli stadi. Se il trend resterà questo è giusto pensare che nell’arco di un mese e mezzo si può completare il ritorno dei tifosi al 100% negli stadi entro fine anno”.

Poche ore prima sul tema tema era intervenuto anche il vicepresidente della Lega Pro, Marcel Vulpis: “Pochi tifosi negli stadi? È un problema comune che stiamo cercando di risolvere. Io vedo già dei passi avanti, sono stato all’Euganeo in occasione dei playoff contro il Renate e non c’era la stessa atmosfera che si respirava contro la Triestina. Ci siamo mossi a livello istituzionale e abbiamo chiesto al Governo di riaprire a breve gli stadi al cento per cento della capienza. Siamo fiduciosi che arrivino notizie positive".