Giulianova, il ds Greco a TLP: "Oggi firma Gasparri"

16.07.2009 12:57 di Andrea Zalamena  articolo letto 651 volte

Dopo la promozione in Prima Divisione, il Giulianova si appresta ad affrontare il campionato in tutta tranquillità. Almeno quattro elementi di esperienza della vecchia rosa non sono stati confermati, per una politica societaria improntata sui giovani che l’anno scorso, con un’età media bassissima intorno ai 21 anni, ha dato comunque i suoi frutti. In esclusiva per TuttoLegaPro abbiamo contattato il direttore sportivo del Giulianova, Giuseppe Greco.

Direttore, come si prepara la squadra ad una Prima Divisione?

“Innanzitutto la nostra politica è mirata alla crescita dei giovani e soprattutto a salvaguardare il bilancio societario. Credo che sotto questo aspetto abbiamo lavorato bene, non possiamo dire diversamente. E proseguiremo sempre su questa strada”.

Quindi tanti giovani da far crescere e tanti anche in arrivo?

“Il primo ad arrivare è stato Carbonaro un ’89. E’ un esterno proveniente dal Palermo e ultima stagione a Monopoli. Oggi chiuderemo per altri due giovani: Alessio Campagnacci (21) in comproprietà con il Perugia e il portiere Andrea Gasparri, classe ’89, in prestito dal Parma. Su quest’ultimo punteremo molto per la prossima stagione. Sarà lui il titolare”.

La vecchia guardia, che vi ha permesso anche il salto di categoria, non è stata confermata?

“Purtroppo per problemi di bilancio, quindi con stipendi che pesavano, non abbiamo riconfermato giocatori che con la loro esperienza hanno davvero dato tanto al Giulianova: parlo del portiere Mancini, ma anche di Ogliari e D´Aniello. Tutti elementi con provata esperienza, che però non potevamo più tenere”.

L’anno scorso avete messo in mostra parecchi gioielli in casa Giulianova?

“Su tutti il difensore francese Kevin Vineotot, classe ’88. L’ho scovato nel Guingamp in seconda divisione francese e l’ho portato immediatamente a Giulianova. Da noi ha fatto davvero bene con 32 presenze e 2 reti alla sua prima stagione in Italia. Ora su di lui ci sono già gli occhi di Bari e Lecce”. 

Oltre al francesino Vinetot, ci sono altri due giocatori che hanno mercato?

“Si certo. Parliamo di Umberto Improta, classe ’84, una seconda punta seguita da parecchi club di Lega Pro e in particolare dall’AlbinoLeffe in serie B. Inoltre per il centrocampista Marco Croce, classe ’87 e da tre stagioni titolare da noi, c’è un discorso aperto con la Pro Patria. Comunque, nonostante le richieste per i nostri giovani, non svenderemo nessuno di sicuro”.

Obiettivo dichiarato, la salvezza?

“Assolutamente si. Vogliamo salvarci e valorizzare ulteriormente i giovani della rosa. Non possiamo fare diversamente. Il calcio di oggi deve essere impostato in questo modo, con un occhio di riguardo al bilancio, proprio quello che stiamo facendo a Giulianova da diversi anni e che sta dando i suoi frutti. Dico stop a presidenti che vogliono entare nel mondo del calcio, magari senza la giusta passione per questo sport e solo per interessi personali, con risultati che sono poi sotto gli occhi di tutti".