INTERVISTA TC - Ag. Arena: "E' ancora al 50%, si trova benissimo a Gubbio"

13.10.2021 12:00 di Antonino Sergi   vedi letture
INTERVISTA TC - Ag. Arena: "E' ancora al 50%, si trova benissimo a Gubbio"

Dalla Serie D alla C, il ritorno tra i dilettanti e il Gubbio per Alessandro Arena che adesso si è preso la scena tra i professionisti. Una bella storia quella del ragazzo siciliano raccontata ai microfoni di TuttoC.com da chi lo ha scoperto e adesso è il suo agente Daniele Sorintano.

Hai pescato Arena nelle categorie minori adesso ti godi con lui la Serie C.
"Alessandro ha una bella storia, lo vedo quando giocava ad Acireale dopo un campionato da protagonista in Eccellenza. Parlo con lui, non aveva un procuratore e diventa così mio assistito anche se ormai è un amico di famiglia. L'anno dopo sottoscrive un triennale a Catania nonostante diverse offerte sempre dalla Serie C, Pellegrino ci credeva anche se ci credeva meno il tecnico Raffaele. Visto il poco utilizzo ha rinunciato a tre anni di contratto rimettendosi in discussione in Serie D all'FC Messina. Lì gioca bene, ci siamo visti un paio di partite insieme con Mignemi che aveva praticamente già deciso di portarlo con lui in caso di nuova avventura. Promessa mantenuta, infatti il direttore lo porta con lui a Gubbio ed è stato uno dei primi giocatori di questa stagione". 

Si è allontanato per la prima volta dalla Sicilia, si sta trovando bene a Gubbio?
"E' un ragazzo troppo mentalizzato, è sereno. Gubbio è la sua dimensione, la sua capacità è quella di entrare nel cuore dei tifosi. E' un ragazzo che fondamentalmente è un ragazzo che si fa volere bene. E' ancora al 50%, ha tanto da dimostrare".

Come si trova con Torrente?
"Benissimo, si trova bene con tutte le componenti del Gubbio. Fa tesoro dei consigli dei grandi, con Torrente c'è un buon rapporto che è nato fin da subito. L'allenatore ha fiducia in lui, può schierarlo in tutto il reparto offensivo. La strada è quella giusta, siamo contenti di essere al Gubbio e come ha detto il presidente Alessandro è una pedina fondamentale non avendo intenzione di muoverci".