INTERVISTA TC - Au Triestina: "A e B si dividono tanti milioni, la C no"

21.08.2021 07:30 di Raffaella Bon   vedi letture
INTERVISTA TC - Au Triestina: "A e B si dividono tanti milioni, la C no"
TMW/TuttoC.com
© foto di Monia Bracciali

Mauro Milanese, amministratore unico della Triestina, a TuttoC.com ha commentato le ultime novità degli alabardati e del calcio italiano.

Oggi il debutto stagionale in Coppa Italia Lega Pro contro il Trento.
"Arrivare dopo il ritiro con un po' di stanchezza è normale. Sarà un buon test per il campionato contro una squadra neopromossa che ha voglia di far bene e che si è ben strutturata sul mercato".

Quest'estate sono spariti tanti club dal professionismo...
"Solidarietà ai club non più tra i professionisti. Fa sempre dispiacere, a prescindere dalla storia del club. Ci sono lavoratori alle spalle, non solo i calciatori che sul mercato trovano comunque squadra. Ci sono altre figure che in un momento così difficile perdono il lavoro. A loro va tutta la mia solidarietà".

Ogni anno gli stessi problemi. Come risolverli?
"Bisogna ridurre il numero di squadre tra i professionisti e fare in modo che la C possa avere introiti che ora non ha. Le altre due categorie si dividono milioni su milioni e la C no. La differenza è lì, serve sostenibilità".

Si parla sempre più di riforme. 
"Gravina ha ripetuto spesso che ci saranno le riforme, fra tre anni arriveremo al format completo. È necessario che non si ripetano le tante difficoltà nei club anche il prossimo anno. E speriamo che si risolva quanto prima l'emergenza sanitaria".