INTERVISTA TC - Ballotta: "Modena spento, Mignani porterà vitalità"

25.11.2019 23:30 di Raffaella Bon   Vedi letture
Marco Ballotta
© foto di Federico Gaetano
Marco Ballotta

Marco Ballotta, attualmente impegnato sia come dirigente sia come giocatore del Castelvetro in Eccellenza, è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com per commentare l'esonero di casa Modena, club con il quale ha trascorso gran parte della sua carriera, difendendone i pali dal 1984 al 1990 e ancora dal 2001 al 2004.

Cosa pensa dell'avvicendamento sulla panchina del Modena?
"Era un po' che se ne parlava, dopo la sconfitta con il Cesena - essendo anche un derby - è scattata la molla. I risultati non stavano arrivando e si è fatto questo tipo di scelta: hanno aspettato fino a quando hanno potuto, ma la sconfitta è stata la svolta decisiva".

Tanto più essendo un derby.
"Più che altro essendo il Cesena anche una squadra sotto al Modena che si è avvicinata pericolosamente. Va bene fare un campionato non esaltante, ambire alla salvezza, ma sarebbe meglio fare qualcosa in più dato che siamo a metà del campionato e ci sono le possibilità di rientrare nel giro dei playoff. Forse anche la squadra faticava a seguirlo: le scelte sono legate anche al modo di giocare della squadra, ci sono tante valutazioni che vano fatte".

Cosa può portare Mignani?
"Una scossa, che serve tantissimo alla squadra. C'erano situazioni interne che non andavano bene. Il Modena non ha una squadra di basso livello, anzi è discreta e può fare meglio di ciò che sta facendo. Mignani potrà portare qualche cambiamento e vitalità: ultimamente vedevo il Modena spento. Bisogna cambiare la mentalità dei giocatori e il loro passo".

A cosa si riferisce quando parla di situazioni interne che non andavano bene?
"C'era qualcosa che non tornava: sono andato a vedere qualche partita e c'erano situazioni che non mi convincevano al 100%. Ma bisogna guardare ai risultati: cambiare i giocatori costa troppo e la valutazione si fa sull'allenatore. Zironelli non si è giocato bene le sue carte, nonostante fosse un bel trampolino di lancio per lui. E' stato sfortunato e non è riuscito a sfruttarlo".

Tra poco inizierà il mercato: cosa ci sarà da fare?
"Lì dipende dalle scelte della dirigenza: se vorranno un anno di transizione o se vorranno puntare ai playoff. Prima ci sarà da valutare l'allenatore: sono importanti le partite da qui a Natale per vedere il rendimento dei giocatori e della squadra. Se ci sarà la svolta o meno. Un campionato né carne né pesce da parte del Modena non è bello".