INTERVISTA TC - Foscarini: "Avellino, ci vuole compattezza per risalire"

14.11.2019 15:00 di Raffaella Bon   Vedi letture
© foto di Federico Gaetano/Tuttolegapro.com
INTERVISTA TC - Foscarini: "Avellino, ci vuole compattezza per risalire"

L'ultima esperienza in panchina risale alla scorsa stagione. Un mese e mezzo a Padova, tra novembre e dicembre, segnato da una vittoria e cinque sconfitte. Oggi Claudio Foscarini è in attesa di una nuova chiamata, nel frattempo ha parlato ai microfoni di TuttoC.com  del campionato e delle sue ex squadre.

Mister come sta trascorrendo il suo tempo?
"Mi aggiorno, vedo partite nel weekend e in tv. Seguo anche gli allenamenti di qualche collega durante la settimana."

Come considera la situazione dell'Avellino?
"Ho un grande ricordo della mia esperienza in biancoverde che reputo una delle più belle che abbia avuto come allenatore. Ci siamo salvati in Serie B, aiutati da una piazza esigente e calorosa. Ora la situazione è pericolante perché, quando si cade, bisogna avere i mezzi, le idee e la lucidità per risalire. Per uscire da questo momento di difficoltà ci vuole grande compattezza tra le parti, ossia società, dirigenza, allenatore e giocatori. Non bisogna soltanto perseguire un obiettivo ma condividerne i valori per raggiungerlo."

La Pro Vercelli?
"Sono soddisfatto anche di quanto ho fatto a Vercelli, centrando una salvezza difficile in B e senza passare per i playout. La piazza è importante e  storica, avrebbe bisogno di più calore e sinergia tra società e tifosi."

Il Padova?
"È stata una toccata e fuga, sono rimasto poco più di un mese, senza concretizzare a livello di risultati. Mi dispiace non aver potuto continuare perché reputo Padova una piazza intrigante e stimolante. "