Playoff 2^ Divisione, il Sorrento ne fa solo tre e retrocede. Arzanese in finale

Sorrento - Arzanese 3-0
25.05.2014 19:00 di Luca ESPOSITO  articolo letto 2934 volte
Giancarlo Improta (Sorrento)
© foto di Prospero Scolpini/TuttoLegaPro.com
Giancarlo Improta (Sorrento)

Il Sorrento è stato davvero a un passo dall’impresa contro l’Arzanese, che non retrocede e sfiderà il Tuttocuoio nelle finali: dopo i 4 gol subiti all’andata senza segnarne nemmeno uno, i costieri ne hanno realizzati tre: non è stato sufficiente perché la squadra di Simonelli retrocede in D dopo 8 anni di professionismo. Da sottolineare la civiltà del pubblico sorrentino, che ha riconosciuto che la squadra ha dato tutto, contro un’Arzanese che poche volte si è resa pericolosa.

L’avvio di partita è intensissimo per i rossoneri, che segnano quello che è ancora solo un golletto al 1’ con Maiorino, abile a sfruttare a proprio vantaggio la spizzicata dell’esperto Innocenti: è 1-0, ma non può bastare al Sorrento che dovrebbe segnare altre tre reti. La squadra di Simonelli nel primo tempo lascia nella propria metà campo l’Arzanese e coglie due legni nella stessa azione, prima con Catania e poi con Improta, però il secondo gol cade al minuto 24: Improta infila nell’angolo con impossibilità per Fiory di evitare la realizzazione. Mangiacasale potrebbe chiudere i conti per l’Arzanese dieci minuti più tardi ma non calibra bene il pallonetto, e il Sorrento ne approfitta per infilare il suo terzo sigillo: Improta, sempre lui, infila Fiory, soprattutto grazie alla deviazione di un giocatore ospite che spiazza il compagno in porta. Nella ripresa piove sul bagnato in casa arzanese perché Patti, già ammonito, viene espulso per gioco falloso, e la squadra di Simonelli si ritrova in superiorità numerica, però la squadra di Marra decide di arroccarsi più che può e non concede più agli avversari gli spazi invitanti del primo tempo. Giannusa e Ripa sfiorano due gol che avrebbero potuto chiudere il discorso retrocessione del Sorrento, ma nel finale c’è anche un cartellino rosso per il portiere locale Polizzi espulso per fallo fuori dall’area: in porta finisce il difensore Benci. Fiory sventa il quarto gol in un paio di circostanze, una delle quali su Innocenti, e senza più lucidità il Sorrento si arrende: è retrocessione, mentre l’Arzanese può ancora conquistare la salvezza.

 

IL TABELLINO DELLA GARA

SORRENTO: Polizzi, Benci, Caldore, D’Anna, Danucci, Terminiello (70’ Lettieri), Maiorino, Improta, Innocenti, Catania (68’ lalli), Canotto (74’ Musetti). A disposizione: Santos Miranda, Licata, Coppola e Soudant. Allenatore: Gianni Simonelli.

ARZANESE: Fiory, Rizzo (80’ Giacinti), Mora, Giannusa (79’ Palumbo), Caso, Patti, Mangiacasale, Castellano, Ripa, Improta (33’ Polverino), Ausiello. A disposizione: Sollo, Calabrese, Giacinti, Sandomenico e Perna. Allenatore: Salvatore Marra.

Arbitro: Mangialardi di Pistoia.

RETI: 1’ Maiorino (S), 24’ e 41’ Improta (S).

NOTE: clima sereno, campo in buone condizioni. Spettatori circa 1000. Ammoniti: D’Anna (S), Catania (S), Mora (A), Patti (A), Caso (A), Ripa (A). Espulsi al 46’ Patti (A) per doppia ammonizione, e all’85’ Polizzi (S) per fallo fuori area.