TMW Radio - Abbruscato: "Juve avanti anni luce, squadre B necessità"

29.06.2020 22:20 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
Elvis Abbruscato
© foto di Federico De Luca
Elvis Abbruscato

L'ex attaccante Elvis Abbruscato, oggi vice-allenatore dell'Italia U20, ha così parlato ai microfoni di TMW Radio, nel corso della trasmissione Stadio Aperto, condotta da Francesco Benvenuti e Niccolò Ceccarini: "Mi sento sempre in cambiamento, sempre con dei dubbi: uno sport così complesso come il calcio non può dare certezze, e la necessità è affrontare e rendere semplici e sintetiche le complessità. Allenare non è come fare il giocatore: chi gioca pensa molto meno, il tecnico invece deve guardare a molti più aspetti. Io sono partito dalla Beretti dell'Arezzo, poi ho fatto da collaboratore a Bellucci e Pavan prima di approdare nell'Italia: U18 e U20, un percorso molto formativo".

La questione delle squadre U23 come la valuta?
"La Juventus a livello di branding è sempre avanti anni luce rispetto alle altre. Fare le seconde squadre è un valore assoluto e diventerà una necessità: la C è una cantera di giovani, se guardiamo la nostra Nazionale ci sono tantissimi giocatori che arrivano da quella categoria. L'indicatore è importante. Chiaro che le seconde squadre hanno un costo, ma è un costo aziendale. Con le squadre B tanti giocatori potrebbero giocare e sviluppare le loro qualità".

Riducendo le squadre professionistiche si riducono anche le possibilità?
"La riforma ci ha portato a mancati fallimenti quest'anno, con gli enti intorno alla Lega Pro che hanno lavorato benissimo evitando penalizzazioni. Spero che nessuno colga la palla al balzo per iscriversi così, tanto per provarci. Se si passa a sessanta squadre va bene, ma deve esserci un valore dietro. Anche perché non parliamo di giocatori milionari, ma ragazzi che devono poter fare la spesa. Stipendi bassi, casse integrazione... Ci sono stati esempi tremendi".