Top & Flop di Avellino-Ternana

27.11.2019 22:20 di Dario Conti   Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Top & Flop di Avellino-Ternana

Al 'Partenio' è la Ternana a proseguire l'avventura nella Coppa Italia di serie C: i rossoverdi sbancano il campo degli irpini, grazie al gol a sei minuti dalla fine siglato da Nesta.  

Primo tempo avaro di emozioni, l'Avellino prova a fare la partita con più generosità, ma ad andare più vicini al gol sono gli ospiti, con Vantaggiato che impatta bene di testa sul cross dalla destra di Niosi, ma Abibi respinge in corner. Mister Capuano deve spendere il primo cambio dopo appena un quarto d'ora: si fa male Celjak, sostituito da Silvestri. 

Nel secondo tempo i cambi fanno la differenza, la Ternana alza il proprio baricentro e va più vicina al gol, che arriva solo ad una manciata di minuti dal termine. E' il neoentrato Nesta a ribattere in rete la respinta di Abibi sul tocco ravvicinato di Defendi. L'Avellino poco dopo va vicinissimo al pareggio con Di Paolantonio, il cui tiro viene deviato in corner. Poco dopo gol annullato a Illanes per un sospetto fuorigioco. Si accendono le proteste dalla panchina biancoverde, dove viene espulso Alfageme, ex della partita. La Ternana così resiste e accede ai quarti di finale, aspettando la vincente di Siena-Teramo, match ancora in corso. Ecco i top e flop del match:

TOP

Abibi (Avellino): riesce a tenere aperto il discorso qualificazione con almeno un paio di interventi decisivi. Il primo su Vantaggiato nel primo tempo, il secondo su Defendi, sul quale si ripete successivamente, prima di arrendersi sulla ribattuta di Nesta a sei minuti dalla fine. SARACINESCA.  

Nesta (Ternana): entra nel secondo tempo e svolta la gara per la sua squadra, ribadendo in rete un'azione insistita degli ospiti, dopo che Defendi che non era riuscito a scavalcare Abibi, bravo in uscita. Fabio Gallo trova la qualificazione ai quarti, probabilmente grazie ai cambi che incidono. PROVVIDENZIALE.  

FLOP

Charpentier (Avellino): isolato dal gioco. L'attaccante combina poco e nulla in avanti, visto che l'Avellino si affida più alle conclusioni dalla distanza che impensieriscono poco e nulla Marcone, che si distende solo sulla conclusione di Di Paolantonio. ABULICO.  

Primo tempo (Ternana): malgrado nel primo tempo l'occasione più nitida risulti proprio dagli ospiti, i rossoverdi attendono un po' troppo l'avversario, che sembra più motivato a cercare la via del gol, anche se con poca precisione negli ultimi metri. Nella ripresa invece i cambi aiutano la squadra ad uscire di più dalla propria area e a concretizzare la qualità superiore. ATTENDISTA.