Top & Flop di Vicenza Virtus-Feralpisalò

18.12.2019 22:40 di Stefano Scarpetti   Vedi letture
De Lucia TOP Feralpisalò
De Lucia TOP Feralpisalò

Si è chiuso il confronto giocato questa sera al "Romeo Menti" fra Vicenza Virtus e Feralpisalò, valido come quarti di finale coppa Italia: 0-1 il punteggio finale. Un successo che consente ai salodiani di approdare per la prima volta della propria storia in semifinale, dove affronteranno la Juventus Under 23, che nel pomeriggio aveva violato il "Garilli" superando il Piacenza. Gara equilibrata seppur avara di occasioni da una parte e dall'altra, la truppa di Sottili ha mostrato maggior freddezza dal dischetto rispetto ai biancorossi, infatti la Feralpisalò il proprio rigore l'ha segnato a differenza di quello del Vicenza Virtus. In cronaca squadre in campo rispettivamente con il 4-3-1-2 e 4-3-2-1 dove i padroni di casa di fatto mettono in campo la squadra di fatto schierata in coppa mentre gli ospiti effettuano quattro cambiamenti rispetto alla formazione cosiddetta titolare. Primo tempo vibrante nella prima fase, Vicenza Virtus pericolosa in due circostanze: al 5' Saraniti obbliga De Lucia alla deviazione mentre sul corner successivo è Guerra a provarci di testa con palla respinta sul fondo. Esce dal guscio la formazione di Stefano Sottili, al 16' il velenoso tiro-cross di Magnini viene disinnescato in angolo da Albertazzi. Il resto della prima frazione vede le due squadre provare a superarsi senza riuscirci. Ad inizio ripresa l'episodio che può cambiare il corso degli aventi: 6' cross di Liviero deviato con il braccio da Giani l'arbitro fra le proteste dei gardesani comanda il rigore. Sul dischetto si presenta Saraniti ma il suo destro viene intuito e respinto da De Lucia. Si accende la partita, prende coraggio la Feralpisalò, e al 18' arriva il penalty sul fronte opposto, cross di Maiorino sul secondo palo dove il neo entrato Scarsella cade a seguito di un contatto con Bianchi: l'arbitro dopo averci riflettuto qualche secondo comanda il rigore. Dagli undici metri Maiorino non si fa pregare spiazzando Albertazzi. Non ci sta a perdere il Vicenza Virtus, Di Carlo da fondo a tutta la profondità della propria rosa, il neo entrato Arma a botta sicura al 35' trova lo straordinario riflesso di De Lucia che salva il risultato spedendo in angolo. Nonostante i cinque minuti di recupero il risultato non cambia, il risultato rimane invariato, vediamo i migliori e i peggiori del match:

TOP

Liviero (Vicenza Virtus): si propone con continuità sulla fascia sinistra appoggiando molto spesso la manovra offensiva biancorossa. Non è un caso che i principali pericoli per la Feralpisalò, soprattutto nel primo tempo arrivano dalla sua zona competenza. Anche nella ripresa si propone con determinazione, è l'ultimo ad arrendersi. FOSFORO

De Lucia (Feralpisalò): la sua presenza in questa parte della nostra rubrica non vuol sminuire la prestazione positiva della compagine di Sottili, buone sono state anche le prestazioni offerte da Pesce e Maiorino. Il portiere però è stato a dir poco determinante, due grandi interventi dove mette in mostra i propri riflessi unito al rigore parato a Saraniti. DECISIVO

FLOP

Saraniti (Vicenza Virtus): buono il suo colpo di testa in avvio disinnescato da De Lucia, per il resto fatica ad essere incisivo nell'area avversaria. Ad inizio della ripresa ha la palla del possibile vantaggio ma la spreca malamente calciando con poca convinzione e determinazione, trovando la respinta di De Lucia, di fatto esce dal match. APPANNATO

Stanco (Feralpisalò): Sottili gli concede una importante possibilità, l'ex attaccante di Modena e Sambenedettese non la sfrutta al meglio, nel contesto di una gara bloccata dove comunque i centravanti delle due squadre faticano a mettersi in mostra. Non riesce mai a superare la guardia dei difensori centrali avversari. INCONCLUDENTE