Top & Flop di Pergolettese-Pro Sesto

18.10.2020 19:42 di Federico Martino Twitter:    Vedi letture
Stadio Giuseppe Voltini
Stadio Giuseppe Voltini

La Pergolettese supera di misura per 1-0 la Pro Sesto, aggiudicandosi il derby lombardo del Voltini e salendo a quota 8 punti in classifica. Per la Pro Sesto, invece, matura il terzo ko in campionato.

Prima frazione intensa, ma senza particolari emozioni: sicuramente più propositiva la Pergolettese che, dopo una prima mezzora di studio, nel finale di tempo va vicina al vantaggio prima con il colpo di testa di Varas e poi con la conclusione di destro di Duca. In avvio di ripresa il copione non cambia e al 56' i gialloblù trovano il meritato vantaggio con Scardina, scaltro nel convertire in rete di testa il servizio dalla sinistra di Villa. Le cose si complicano per la squadra di Parravicini quando al 68' rimane in inferiorità numerica a causa dell'espulsione di Marchesi per un fallo di frustrazione. Nel finale, però, viene fuori tutto il carattere dei biancocelesti che sfiorano la rete del pareggio prima con Cominetti e poi con Spadiero.

Ecco i Top & Flop della partita:

Top

Luca Villa (Pergolettese): sulla fascia sinistra è una garanzia. Propositivo in attacco e generoso in difesa: l'assist per Scardina è la ciliegina sulla torta. MOTORINO.

Martino Cominetti (Pro Sesto): subentra al 64', pochi minuti prima dell'espulsione di Marchesi. Il suo ingresso in campo coincide con il miglior momento della squadra: mette a disposizione grinta, sacrificio e qualità. Va anche vicinissimo al gol dell'1-1. DEDITO ALLA CAUSA.

Flop

L'atteggiamento finale della Pergolettese: nessuno in particolare merita l'insufficienza tra le fila dei padroni di casa. Però, senz'altro, va rivista la gestione degli ultimi 20' di partita: i canarini, infatti, non sfruttano i vantaggi derivanti dalla superiorità numerica, ma anzi rischiano più volte di incassare il pareggio e di gettare al vento una vittoria in cassaforte. POCA ATTENZIONE.

Federico Marchesi (Pro Sesto): la sua partita dura solamente quattro giri di lancette. Perde la testa lasciando i suoi compagni in dieci uomini per un evitabilissimo fallo di reazione ai danni di Figoli. SCELLERATO.