Sudtirol, Vecchi: "Ora serve il salto di qualità con le grandi"

03.06.2020 11:15 di Marco Pieracci   Vedi letture
Stefano Vecchi
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Stefano Vecchi

Intervistato dal Corriere dell'Alto Adige il tecnico del Sudtirol Stefano Vecchi spiega come sta gestendo questa fase delicata: "Cerchiamo di ricostruire un po' gli aspetti generali della condizione facendo in modo che i ragazzi riprendano confidenza con il pallone. Chiaramente al momento non ci sono lavori con il compagno o partitine: proseguiremo così almeno anche questa settimana poi vedremo cosa diranno e quando si inizierà e quel punto decideremo cosa fare. Questa è una stagione anomala - prosegue - non si può paragonare nemmeno alla sosta estiva perchè anche in quel periodo difficilmente ci si ferma così tanto e non si usa la palla; l'incognita per quanto concerne la ripresa è che con ogni probabilità non potremo fare nessun tipo di amichevole. Il gruppo in ogni caso ha lavorato assieme già da tempo, credo dunque che due-tre settimane assieme possano essere sufficienti per riprendere il discorso che abbiamo lasciato. Cosa serve per arrivare fino in fondo e vincere i playoff? Ci vuole un organico lungo qualcuno dice che con il caldo è fondamentale un'ottima condizione fisica, io credo che quando si fa fatica, conti quello ma anche i valori tecnici e sono sicuro che alla fine verrà fuori la squadra più qualitativa nel suo complesso: in ogni caso si riparte dopo diversi mesi di stop e dunque ci potranno essere delle sorprese. Come abbiamo fatto in campionato dove abbiamo dato fastidio a quelle sette-otto formazioni che partivano con basi importanti, vorremmo che succedesse lo stesso nei playoff, dobbiamo essere però bravi a fare un altro salto di qualità perchè contro le squadre importanti abbiamo raccolto meno di quello che avremmo meritato dato che le prestazioni ci sono sempre state: speriamo che adesso sia arrivata la volta buona e possiamo beneficiarne maggiormente".