Casertana, Guidi: "Le difficoltà ci hanno rafforzato. Pres sempre vicino"

18.01.2021 12:10 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
Federico Guidi
TMW/TuttoC.com
Federico Guidi
© foto di Giuseppe Scialla

Secondo successo di fila per la Casertana che inizia nel modo migliore questo 2021: dopo il ko imposto al Catania, i Falchetti vanno infatti a vincere nel derby di Pagani, contro una diretta concorrente alla salvezza. Soddisfazione evidente nelle parole di mister Federico Guidi: “I ragazzi sono stati bravi ad interpretare una partita difficile su un terreno di gioco proibitivo. Nella ripresa, poi, abbiamo messo in campo grande spirito e la consapevolezza che se avessimo fatto ciò che avevamo provato in settimana saremmo riusciti a riprendere la partita. Anche dal punto di vista caratteriale ho visto un grande passo in avanti. In più nel finale ho visto grande voglia di non prendere gol. Non posso che fare i complimenti alla squadra per aver mostrato una mentalità che piace a tutti noi”.

Sono contento della prestazione perché in passato avevo chiesto loro di interpretare i diversi momenti della gara. Di tirar fuori il fioretto quando il caso lo richiedeva, così come la sciabola in altre circostanze. Da questo punto di vista è stato fatto un gigantesco passo in avanti rispetto ad inizio stagione, non da oggi ma da molto tempo. Abbiamo imparato dagli errori commessi. Questa squadra ha ancora ampi margini di miglioramento. Ma il bello viene adesso. Dobbiamo essere bravi a non accontentarci, ma a perseverare su questa strada perché è il modo per poterci togliere delle soddisfazioni”.

La squadra ha sempre costruito tanto. Nel momento in cui diamo continuità al gioco ed esaltiamo le qualità dei tuoi calciatori, riusciamo a creare diverse occasioni. Il fatto di essere più concreti e cinici come in queste ultime uscite ci dà sicuramente un vantaggio in termini di risultato. Allo stesso tempo siamo diventati molto più solidi; i tiri in porta e le occasioni che subiamo sono nettamente inferiori. La testimonianza che stiamo diventa squadra; noi non vogliamo scindere la fase difensiva e quella offensiva, ma attaccare e difendere in un blocco unico”.

Questo è un gruppo fantastico. Io e il mio staff siamo fortunati ad allenare questi calciatori, ma soprattutto questi uomini. Non è facile trovare all’interno di uno spogliatoio persone con tali valori. Questi ragazzi sono stati sempre coesi e si sono posto degli obiettivi che stanno cercando di raggiungere attraverso il lavoro. Anche nelle difficoltà. Come del resto oggi (ieri, ndr). Ci siamo trovati sotto, ma non abbiamo sbandato. Non nascondo la mia soddisfazione per come vedo questo gruppo allenarsi e per come va in campo. Le difficoltà degli ultimi tempi ci hanno rafforzato. Quello che abbiamo passato, con il nuovo anno, avrebbe dovuto darci una molla. L’avevo detto ai ragazzi. E così è stato. Ora è solo l’inizio. Nello spogliatoio ho sentito molti di loro parlare già del prossimo impegno. Vuol dire che nella loro testa è scattato qualcosa di importante”.

Ringrazio la società. Il presidente mi è sempre stato vicino, anche quando le cose non giravano. Mi ha sempre detto di stare tranquillo. Credeva in quello che vedeva ogni giorno sul campo. A me e al mio staff questo ha dato grande forza. Quando si cambia tanto e nasce una squadra nuova con nuove metodologie di lavoro, bisogna saper aspettare. Così come ha fatto la Casertana”.