Matteo Merini ❤ Valeria Caneschi

La rubrica di TLP, con le interviste alle compagne dei calciatori in Lega Pro: mogli, compagne e fidanzate si raccontano
08.01.2016 23:00 di Claudia Marrone  articolo letto 7254 volte
Matteo Merini ❤ Valeria Caneschi

Matteo Merini, attaccante classe 1988 attualmente in forza alla Pistoiese, ma con un finale di 2015 da dimenticare: un brutto infortunio, una mancata ripresa e l’obbligata operazione per risolvere il problema. Un periodo non facile per il calciatore, ma per fortuna il 2016 è iniziato in modo decisamente più positivo. Le terapie mediche stanno dando l’esito sperato, e il fronte familiare proprio a breve gli regalerà una piacevole gioia, che condividerà con la compagna Valeria Caneschi, che ai lettori di TuttoLegaPro.com racconta la loro storia d’amore. Anzi, le gioie saranno due, entro giugno...

Valeria, ogni tanto abbiamo parlato…e partiamo dalla grande novità che aspetta te e Matteo: il piccolo bomber in arrivo!!!

“Si, tra due mesi nascerà il piccolo Tommaso…dirti che è la gioia più grande che si possa provare sarebbe riduttivo!”.

Non possiamo chiederti che tipo di padre sarà, e questa magari è la sua fortuna…ma sei preparata ad avere due calciatori per casa?

“Oddio, in effetti non ci avevo pensato! (ride,ndr) Credo che sarà una continua coalizione maschile, però mi ci abituerò molto volentieri”.

Non hai potuto dirci che padre è Matteo, ma i suoi pregi e difetti puoi svelarli!!! Da questa rivelazione lui non fuggirà…

“Mmm, difetti! È super testardo, vuole averla sempre vinta, ed è molto chiuso. Peró quando impari a conoscerlo non puoi non amarlo”.

Andiamo però alle origini: come è nata la storia d’amore tra voi?

“Ho conosciuto Matteo tramite amicizie in comune, ed è bastato un giorno per innamorarmene, è stato un vero e proprio colpo di fulmine”.

Il matrimonio è già rientrato nei vostri progetti?

“Ci sposiamo il 18 giugno 2016 a Roma, non vedo l'ora! Anche se, vivendo insieme, lo sento mio marito già da un bel pò oramai”. 

Da Roma alla Toscana, dove sta militando da ormai otto anni, passando per la Puglia e la Basilicata: carriera movimentata. Tu lo hai sempre seguito in tutti gli spostamenti?

“Quando ci siamo conosciuti lui giocava in Toscana, e io inizia subito a seguirlo, e non ho mai smesso. Il primo anno che stavamo insieme mi alzavo alle 4 di mattina, andavo a lavoro e poi alle 17 prendevo il treno per Carrara…questo tutti i venerdì”.

Ed è stato per te un problema dover girare tutta l’Italia per il calcio?

“Assolutamente no, lo seguirei ovunque”.

Il calcio ha in qualche modo influenzato la vostra vita di coppia?

“Non direi, sono figlia di un calciatore (il padre di Valeria è Mario Canesci, uno dei giocatori di calcio a 5 con più scudetti vinti, ndr), per cui non potevo che sognare un uomo come il mio papà! Ovviamente non è semplicissimo vivere distanti, ma l'amore avvicina tutto e tutti”.

E qual'è stato il momento calcisticamente più bello per lui?

“Credo, anzi sono sicura, che il momento più bello sia stato quando ha segnato nella semifinale che ha portato poi la Carrarese alla promozione in C1 (stagione 2011-2012, ndr): certe emozioni restano per sempre”.

Parlavi di gol…quante dediche?

“Da quando siamo insieme mi ha dedicato tutti i suoi goal, ma quello più bello è stato quest'anno in Coppa Italia, quando mi ha lanciato un bacio che per noi voleva dire tutto: era per me, ma soprattutto per il nostro pulcino…di cui nessuno sapeva ancora nulla!”.

Ma visto che il calcio è di famiglia…a te piace come sport, vero???

“Io adoro il calcio, e cerco di essere presente a ogni partita...sono la sua prima tifosa!”.

Allora puoi spiegarci la regola del fuorigioco…

“Certo, te la spiego a modo mio. Se ti lancio una borsetta al supermercato e tu sei al di là della cassa… l'allarme suona” (ridiamo a crepapelle, ndr).

Borsette…lanci a me un assist per la prossima domanda, visto che le borse sono un oggetto cult per noi donne. Qual'è il regalo più bello che ti ha fatto?

“Matteo mi riempie di regali, però il più bello è stato quando eravamo in vacanza alle Maldive. Ha organizzato una cenetta a sorpresa, e con una scusa mi ha portato in riva al mare, dove c’erano candele ovunque, ed eravamo solo noi: sembrava un sogno! E lì mi ha chiesto di sposarlo…un giorno che non dimenticherò mai”.

Un’ultima domanda: c’è qualcosa in particolare che vuoi dirgli attraverso questa intervista?

“Come sai Matteo si è appena operato:  gli auguro di tornare al più presto in campo e continuare a dimostrare quanto vale, perché a me lo dimostra tutti i giorni”.

 

Un bacio tra Matteo Merini e la compagna Valeria © foto di TLP
Matteo Merini con in braccio la compagna Valeria © foto di TLP
Matteo Merini bacia la pancia della compagna Valeria: tra due mesi arriverà infatti il piccolo Tommaso © foto di TLP
Matteo Merini e la compagna Valeria che si accarezza dolcemente la pancia © foto di TLP