Il fatto della settimana - E' tempo di verdetti: Grosseto e Vibonese retrocessi in D. Ma giochi ancora aperti su tanti fronti: ecco chi dovrà lottare fino all'ultimo per un posto al sole

17.04.2022 00:00 di Valeria Debbia Twitter:    vedi letture
Il fatto della settimana - E' tempo di verdetti: Grosseto e Vibonese retrocessi in D. Ma giochi ancora aperti su tanti fronti: ecco chi dovrà lottare fino all'ultimo per un posto al sole
TMW/TuttoC.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

La settimana che va terminando - a proposito, un augurio di buona Pasqua a tutti i nostri lettori - è quella che ha sancito il secondo e il terzo verdetto ufficiale: dopo la promozione in Serie B del Bari sono infatti arrivate le retrocessioni di Grosseto (Girone B) e Vibonese (Girone C), mentre la lotta per la salvezza resta aperta nel Girone A.

Ma andiamo con ordine ed analizziamo ciò che ci lascia la penultima giornata di Serie C: nel Girone A ancora nulla di fatto per Südtirol e Padova, anche se - a 90' dal termine - il match point potrebbe essere nelle mani degli altoatesini che dovranno - per assicurarsi la promozione - vincere a Trieste. Con un pareggio, infatti, la squadra di Javorcic non sarebbe al sicuro, perché ai biancoscudati sarebbe sufficiente battere la Virtus Verona con tre reti di scarto e, a parità di differenza reti, l'undici di Oddo diverrebbe primo per maggior numero di gol. segnati. In coda torna fanalino di coda il Legnago, che dovrà giocarsi il tutto per tutto in casa della Juventus U23 e tendere l'orecchio a quanto accadrà in Fiorenzuola-Giana Erminio (rossoneri salvi e biancazzurri penultimi, a +1 sui veneti). Colpo della Pro Sesto in casa della Virtus Verona e buone speranze di chiudere quartultimi e poter giocarsi il playout con il vantaggio del miglior posizionamento in classifica rispetto al Seregno (oggi pari a Lecco). Ancora non salve Mantova e Trento: entrambe a quota 39 (a +8 sulla Giana quindi attualmente il playout si disputerà), coi virgiliani che però hanno dalla loro il vantaggio negli scontri diretti e con un arrivo a pari punti condannerebbero i gialloblù alla disputa degli spareggi promozione. Caso particolare quello della Virtus Verona: i rossoblù sono a quota 42, potrebbero essere raggiunti dalle due inseguitrici e hanno gli scontri diretti e la differenza reti alla pari con Mantova e Trento, a quel punto subentrebbe la differenza reti dell'intero campionato.

Anche nel Girone B ancora nulla di fatto per Modena e Reggiana. Ai canarini - che saranno impegnati in casa con il Pontedera - non basterà il pareggio, perché se la Reggiana dovesse vincere a Teramo ed entrambe finissero la stagione a 86 punti, visto l'equilibrio negli scontri diretti, conterà la differenza reti, che in questo momento vede in vantaggio i granata: +44 contro +40. Come detto è invece arrivata ai titoli di coda l'esperienza del Grosseto in terza serie: dopo sole due stagioni i maremmani tornano tra i dilettanti (e pensare che l'anno scorso si sono giocati i playoff...). Con Teramo e Montevarchi oramai salve, dalla Pistoiese all'Imolese ci si giocherà i migliori piazzamenti playout. Derby a Lucca per l'Olandesina (i rossoneri sono già certi dei playoff), sfida a Carrara per la Viterbese (con i marmiferi dentro i playoff ma ancora non con l'imprimatur aritmetico), impegno in casa della Virtus Entella per la Fermana, coi liguri che si giocano il quarto posto con il Pescara, che sarà a sua volta in campo contro i romagnoli allenati da Fontana. Difficile fare pronostici, anche se sulla carta la Pistoiese sembrerebbe quella più avvantaggiata per un arrivo al quintultimo posto.

Nel Girone C tutto ancora aperto, invece, per il secondo posto: a contenderselo Catanzaro (impegno sulla carta sul velluto in casa della già retrocessa Vibonese), Avellino (sfida a Foggia, coi rossoneri non ancora aritmeticamente certi dei playoff) e Palermo (per i rosanero l'avversario sarà il già promosso Bari al 'San Nicola'). Tutto potrebbe accadere, anche se i giallorossi sembrano quelli con le maggiori possibilità di aggiudicarselo (e con un eventuale arrivo a pari punti a tre, la classifica avulsa premierebbe sempre i calabresi, così come con un eventuale arrivo a pari punti con gli irpini). Dal Campobasso al Potenza si festeggia la salvezza, mentre la Juve Stabia è ancora in lotta per i playoff. In coda les jeux sont faits: come detto la Vibonese torna tra i dilettanti dopo quattro stagioni tra i professionisti, mentre Fidelis Andria e Paganese si giocheranno il tutto per tutto ai playout con i federiciani già certi del miglior piazzamento in classifica e quindi di poter giocare per due risultati su tre.