Il fatto della settimana - Ghirelli corre da solo verso la riconferma alla presidenza della Lega Pro

03.01.2021 00:00 di Marco Pieracci   Vedi letture
Il fatto della settimana - Ghirelli corre da solo verso la riconferma alla presidenza della Lega Pro
TMW/TuttoC.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Quella che fino a pochi giorni si preannunciava come una interessante sfida a tre per la presidenza della Lega Pro, si è trasformata in una corsa senza ostacoli per Francesco Ghirelli, presidente uscente, in carica dal 2018 e unico candidato per la riconferma che verrà sancita nell'assemblea elettiva del prossimo 12 gennaio. Sfumata infatti la candidatura di Luigi Barbiero, coordinatore della Lega Nazionale Dilettanti, mentre Marcel Vulpis, giornalista e co-fondatore di Sporteconomy, dopo essersi proposto inizialmente come figura di rottura, ha ceduto alla la corte di Ghirelli che gli ha offerto una delle due poltrone di vicepresidente lasciate vacanti da Cristiana Capotondi e da Jacopo Tognon. L'altra è per il manager Luigi Ludovici, dirigente di Sport e Salute. 

"Ho accolto con entusiasmo l’invito di Francesco Ghirelli - dichiara Ludovici - ne conosco ed apprezzo da anni le qualità di dirigente sportivo, condivido pienamente i contenuti del suo programma, il calcio italiano ha bisogno di riforme e la Lega Pro vuole essere un attore importante del cambiamento. Sono pronto a dare il mio contributo per realizzare progetti innovativi che possano favorire la sostenibilità della Serie C e supportare il rilancio del movimento nazionale in sinergia con la FIGC e con le altre componenti del sistema calcio”.

"I mesi futuri che attendono il mondo del calcio - commenta Vulpis - saranno contraddistinti dal tema della sostenibilità e dalla costante ricerca di risorse economiche a salvaguardia del movimento. Questo aspetto, congiuntamente alla convergenza sui punti del programma del candidato presidente Ghirelli, mi ha portato ad una riflessione più profonda nella direzione di un gioco di squadra. Non è più tempo infatti di personalismi o divisioni, al contrario della più ampia unità possibile. Nello sposare il progetto di Francesco Ghirelli varrà certamente il mio tessuto relazionale e l'esperienza maturata nelle aree del marketing, comunicazione, digitale e sponsorship".

Il piano per il prossimo quadriennio si basa su due pilastri: garantire la sostenibilità economica dei club di C, anche di fronte alla sfida del coronavirus e lavorare alla riforma dei campionati secondo un approccio di sistema. Il programma completo sarà dettagliato in occasione dell'assemblea elettiva del 12 gennaio. La vittoria di Ghirelli fa felice anche Gabriele Gravina, avviato alla riconferma come presidente della FIGC nelle elezioni in programma il 22 febbraio.