IL PROTAGONISTA DELLA SETTIMANA - NEL SEGNO DEL 7: A REGGIO CALABRIA SCOPPIA LA MENEZ MANIA

28.06.2020 00:00 di Marco Pieracci   Vedi letture
© foto di Marco Conterio
IL PROTAGONISTA DELLA SETTIMANA - NEL SEGNO DEL 7: A REGGIO CALABRIA SCOPPIA LA MENEZ MANIA

La Reggina ha la sua stella. Jeremy Menez è il regalo scelto con cura da Luca Gallo per la promozione in Serie B. Una trattativa tutt'altro che semplice considerando gli interessamenti di altri club e che ha tenuto con il fiato sospeso i tifosi amaranto fino all'annuncio ufficiale arrivato lunedì nel corso della conferenza stampa del presidente. L'arrivo sullo Stretto dell'estroso fantasista francese è stato degno di una star di Hollywood: sbarco in catamarano e accoglienza speciale da parte di una città affamata di grande calcio, che vede nel salto di categoria solo il primo passo di un progetto ambizioso. Dal canto suo Menez non vede l'ora di dimostrare che non è soltanto un nome, ma un calciatore di classe capace ancora di fare la differenza e trascinare i compagni verso l'obiettivo massimo.

"Per 2/3 anni avevo perso la passione di poter lavorare al 100% - ha detto presentandosi al suo nuovo pubblico - il calcio lo amiamo tanto, ma contano i rapporti personali. Ho avvertito una sensazione positiva parlando con il presidente. A livello tecnico non posso chiedere nulla, dobbiamo ringraziare la squadra che ha portato la Reggina in B, noi giocatori dobbiamo stare concentrati, dobbiamo lavorare per vincere il campionato e andare in serie A, io non mi nascondo. C'è fiducia e c'è amore tra di noi, io ho sentito questo, c'erano altre squadre, ma ho voluto fortemente la Reggina. Ho ricevuto tanti, tanti messaggi da parte loro, questo mi fa grande piacere. Sarebbe stato bello festeggiare con tutti loro, ma ci sarà ancora molto tempo" 

Menez ha 33 anni e dopo le ultime esperienze non indimenticabili in Turchia, Messico e Francia, si appresta a riabbracciare il calcio italiano già vissuto con le maglie di Roma e Milan. Avrà il numero 7, da sempre il suo preferito. E per questo ha voluto ringraziare il greco Sounas, che lo ha indossato in questa stagione. Per lui Gallo ha speso parole dolci: "Menez lo vedo come un campione che i bambini guardano che sperano di avere il poster o farci la foto. Menez ispira il sogno, il pensiero un attimo prima di dormire, sapendo che il giorno dopo si scende in campo. É un calciatore che fa sognare, lo immagini come un calciatore che può fare gol sotto la Curva. Quando la Reggina ha preso Menez ha pensato di prendere quel campione che potesse fare associare una città intera, giovani e meno giovani. Parlando di lui ho trovato solo cose belle, spero che anche i tifosi possano pensare altrettanto: spero che la tifoseria possa abbracciare questo grande campione".