INTERVISTA TC - Ag. Fella: "Stagione top, piace in categorie superiori"

11.12.2019 20:40 di Dario Lo Cascio Twitter:    Vedi letture
Giuseppe Fella
Giuseppe Fella

Giuseppe Fella è sicuramente l'uomo del momento nel Girone C. L'attaccante sta trascinando il Monopoli a suon di gol, fin qui ben dodici in sedici partite di campionato, e sta vivendo un momento d'oro insieme alla squadra, attualmente al secondo posto della graduatoria. TuttoC.com ha contattato in esclusiva l'avvocato Maurizio De Rosa, procuratore di Fella:

Un campionato da incorniciare fin qui per questo giocatore. Se lo aspettava?
"Posso dire di sì, me lo aspettavo. Quando ho iniziato ad assistere Fella, veniva da un periodo negativo. Era alla Nocerina, mi ha chiamato, abbiamo progettato un percorso. Gli ho detto: 'Giuseppe, dobbiamo ripartire da Melfi, quando ci siamo conosciuti'. Lì faceva l'attaccante con Caturano, altro mio assistito. A Nocera lo facevano invece giocare mezzala. Da lì siamo ripartiti come piace fare, mattone per mattone. Siamo ripartiti da Cava, con mister Bitetto. Il primo anno ha fatto 15 gol, nella scorsa stagione undici. E quest'anno si sta riconfermando, perché secondo me ha doti tecniche e atletiche da calciatore di categoria superiore. Fortunatamente c'è stato il Monopoli che ha creduto in lui. Non tutte le società di prima fascia hanno il coraggio di puntare su calciatori che l'anno prima hanno fatto bene ma che non hanno un curriculum importante. E Fella, prima di Cava, non aveva fatto molti gol. Ma abbiamo capito che era il momento clou della sua carriera, abbiamo avuto pazienza, perché le chiamate ci sono state, qualche proposta non ci andava bene. Ma nel momento in cui ha chiamato il Monopoli, gli ho detto 'qui bisogna andare'. Conosco molto bene il patron Lopez, è un amico, ero sicuro sarebbe stata una scelta azzeccatissima".

Ha sorpreso questa estate la mancata conferma da parte della Cavese, dopo le due ottime stagioni da lei citate.
"Il presidente Santoriello in prima persona voleva confermare Fella. Ma purtroppo chi si è occupato della direzione sportiva, ha deciso diversamente. Anzi, l'ultimo giorno di mercato fui chiamato perché Fella doveva andare via. Il presidente poi invece lo riconfermò a febbraio e Fella diede un grande attestato di riconoscenda facendo dieci gol da lì in poi. Chi si è occupato della costruzione della squadra, che non era Lamazza, arrivato in un momento successivo, ha fatto altre scelte". 

Il Monopoli sogna con i gol di Fella, dove possono arrivare questa squadra e questo giocatore?
"Il gioco che esprime mister Scienza è propositivo e con un Fella così in forma in questo momento non ci sono limiti. Penso che la vera concorrente della Reggina a questo punto del campionato, alla fine del girone d'andata, è proprio il Monopoli. Poi la società credo che a gennaio lavorerà sul mercato per puntellare una squadra già forte".

In questo Girone C la Reggina comunque sembra davvero averne più delle altre.
"E' una squadra costruita bene, gioca un calcio aggressivo, che sta ripagando la società. Il direttore sportivo Taibi ha fatto un bel lavoro. Era tra le candidate alla vittoria finale, ci si aspettava che al posto degli amaranto ci fosse il Bari forse. Ma in questo momento la Reggina ha battuto qualsiasi pronostico iniziale. Penso che all'80% è in Serie B". 

Chiudiamo tornando su Fella. Una stagione del genere può aprirgli la strada per categorie superiori?
"Già in questo momento è attenzionato da club di categorie superiori. Bisogna vedere a gennaio cosa succede. Se arrivano offerte che società e calciatore non possono rifiutare, penso sia giusto che faccia il salto di categoria, così come per il Monopoli può essere un orgoglio aver lanciato un calciatore in una categoria superiore. Vedremo. Penso che i ventidue gol nell'anno solare, che per altro ancora deve finire, perché mancano due partite, non sono passati inosservati. In tante lo stanno cercando".