INTERVISTA TC - Barbuti: "Sarà difficile ma il Trento c'è. Parlato un vincente"

24.07.2021 07:30 di Raffaella Bon   vedi letture
Riccardo Barbuti
TMW/TuttoC.com
Riccardo Barbuti
© foto di Luigi Putignano/TuttoLegaPro.com

Dopo le ultime due stagioni al Fano, Riccardo Barbuti è ripartito dal Trento. L'attaccante è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com spiegando come è nata l'occasione di vestire la maglia dei neopromossi gialloblù: "Trento era una piazza che già conoscevo e anche l'anno scorso l'ho seguita anche da Fano. Il Direttore Sportivo mi ha cercato a fine campionato e abbiamo impiegato pochissimo a trovare l'accordo. Promesse non ne voglio fare - aggiunge subito, - se non che verserò sino all'ultima goccia di sudore dalla prima all'ultima partita per il bene del Trento".

Come ti stai trovando con il gruppo?
"Molto bene, mi sono sentito subito a casa. Ho trovato un ambiente professionale, serio ma anche molto familiare. Anche dopo una sola settimana si è creata una bella intesa tra di noi".

Cosa credi mister Parlato si aspetti da te?
"Con il mister stiamo lavorando tanto e abbiamo già parlato. Lo conoscevo di nome e in questi primi giorni ho capito perché è un vincente. Prima di essere un ottimo allenatore è una grande persona, schietta e sincera. Nella prima lezione di tattica mi ha impressionato per quanto è preparato e puntiglioso".

Hai voglia di rivincita dopo la scorsa stagione?
"La stagione scorsa è stata fortunata, perché sono convinto avremmo meritato la salvezza. A livello personale sono soddisfatto del campionato, sia per le prestazioni che per il numero di reti realizzate. Adesso sono a Trento e voglio ovviamente fare meglio rispetto all'anno scorso".

Sarete una squadra neopromossa: potrete essere la sorpresa, un po’ come Grosseto e Matelica?
"Bisognerà sicuramente partire bene. Per raggiungere il risultato finale servirà soprattutto essere un grande gruppo, compatto e determinato. Noi abbiamo una gran voglia di fare bene, questo è certo".

I gironi quest'anno cambiano: che campionato ti aspetti?
"Quello dell'anno scorso era un girone veramente tosto, ma non mi aspetto certamente che il prossimo sia più semplice. Anzi, troveremo tante societá storiche e importanti e tante altre che conoscono benissimo la serie C. Sarà difficile ma il Trento c'è".