INTERVISTA TC - Ciccone: "Semifinali playoff? Impossibile fare pronostici"

23.05.2019 16:20 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
Michele Ciccone
Michele Ciccone

Grandi deluse e otto squadre ancora in gioco per coronare un sogno chiamato Serie B: le gare del primo turno nazionale dei playoff hanno sancito l'eliminazione di piazze importanti come - tra le altre - Catanzaro e Monza, lasciando vive le speranze di Feralpisalò ed Imolese che quest'oggi hanno conosciuto il loro nuovo avversario verso la cadetteria, cioè Triestina e Piacenza. Per un commento su quanto accaduto e su quanto potrà ancora accadere è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com Michele Ciccone, direttore sportivo di grande esperienza con un passato in Serie B al Bari, ma anche in C al Campobasso dove conquistò una salvezza insperata prima della scomparsa dei molisani a causa dei debiti societari e nella scorsa stagione alla Carrarese, dove ha posto le basi per il campionato di vertice attuale degli azzurri, terminato solo ieri a causa di un Pisa mai domo.

Direttore, dopo ieri sera quale ritiene sia stato il risultato più clamoroso?
"Mi aspettavo che il Monza riuscisse a compiere la rimonta. I brianzoli avevano dalla loro un organico di tutto rispetto e una società forte alle spalle. Pensavo potesse farla franca, anche se in passato ho menzionato a più riprese l'Imolese come squadra che mi ha impressionato di più come organizzazione di gioco, con un allenatore bravo a metterla in campo e capace di grandi letture".

La sua ex squadra, la Carrarese, ha dovuto arrendersi al Pisa.
"Hanno perso la qualificazione all'andata, quando si sono fatti rimontare da 2-0 a 2-2 in pochi minuti. Il Pisa è una squadra forte, con un pubblico che è il dodicesimo uomo e tutto questo ha fatto sì che i nerazzurri siano riusciti a qualificarsi alla semifinale".

Si aspettava che il cammino del Catanzaro finisse con l'eliminazione per mano della Feralpisalò?
"Per quanto riguarda il Catanzaro non parlerei di beffa. Farei lo stesso discorso del Monza: un organico importante, una squadra forte, una società solida. E' logico che mi aspettavo che passasse il turno. Ma non ci dimentichiamo che la Feralpi ha al suo interno giocatori di categoria superiore. Alla fine i valori prevalgono in campo".

Cosa si aspetta dalle quattro semifinali? Le ricordiamo, visto che ci saranno due derby molto sentiti: Imolese-Piacenza, Feralpisalò-Triestina, Catania-Trapani, Arezzo-Pisa. 
"Arezzo-Pisa sarà una partita aperta a tutto. Il fattore campo potrebbe essere decisivo. L'Arezzo è una buona squadra, ma il Pisa ha un organico consono alle esigenze della categoria e della piazza, con giocatori che possono rompere gli equilibri in ogni momento della gara. E' un derby da tripla. Anche Catania-Trapani sarà un derby molto sentito e soprattutto aperto. Io più di una volta ho però detto che il Catania ha un organico di categoria superiore, eppure il Potenza era riuscito ad andare in vantaggio al 'Massimino' ieri sera. Secondo me sarà un po' un terno al lotto pronosticare chi potrà avere la meglio di queste otto semifinaliste. Impossibile quindi fare un pronostico definitivo".

Chiudiamo invece con una battuta su di lei: da dove ripartirà Michele Ciccone?
"Sono in contatto con 2-3 società, ci sono prospettive rosee. Aspetterò però qualche giorno ancora per capire bene il da farsi: dovrebbe concludersi qualcosa nelle prossime settimane".