INTERVISTA TC - Dg Legnago: "Col Seregno successo qualcosa di vergognoso"

08.11.2021 19:45 di Redazione TC Twitter:    vedi letture
INTERVISTA TC - Dg Legnago: "Col Seregno successo qualcosa di vergognoso"
TMW/TuttoC.com
© foto di Giovanni Padovani

Mario Pretto si sfoga. Il direttore generale del Legnago, intervenuto ai microfoni di TuttoC.com, racconta quanto successo nella rocambolesca sfida tra i veneti e il Seregno, vinta dagli ospiti nonostante un'inferiorità numerica che li ha costretti a giocare in 8 contro 11 per parte dell'incontro. “Un peccato non aver portato a casa un risultato positivo, ma quanto successo è qualcosa di vergognoso che non ha a che fare col calcio e la correttezza sportiva – inizia Pretto -. Ieri il Seregno ha dato il cattivo esempio: provocazioni, simulazioni, arroganza, offese, bestemmie, perdite di tempo... mai visto in 40 anni di calcio un comportamento così negativo in un solo incontro. Vanno fermati, per sempre”.

Cosa chiedete alla Lega Pro?

Comportamenti del genere andrebbero puniti con un calcio di rigore. Il regolamento dice che le bestemmie vanno sanzionate, loro hanno bestemmiato dall'inizio alla fine. A ciò si aggiungono provocazioni, simulazioni e urla fortissime ogni volta che qualcuno di loro subiva un fallo. Tant'è che gli stessi delegati di Lega e Procura erano indispettiti e hanno chiesto alla terna arbitrale di intervenire. Situazioni del genere vanno fermate per il bene del calcio. Se si permettono queste cose in trasferta, non voglio immaginare cosa succede in casa loro. Non è la prima volta che certi personaggi si comportano così, ma questo è stato il culmine. Negli ultimi quindici minuti non si è giocato a calcio, il gioco era spezzettato da continue e assurde perdite di tempo”.

Torniamo al campo. Che momento state vivendo?

È un momento di ripresa, ci stiamo risollevando dopo un periodo dove avevamo mostrato qualche difficoltà di troppo in fase difensiva. Classifica più tranquilla? È meno sofferente, ma in questo campionato non si può abbassare la guardia”.

Quest'anno siete nel Girone A.

È un girone livellato verso l'alto, un raggruppamento più competitivo del Girone B che abbiamo vissuto lo scorso anno”.

Mercoledì completerete la gara col Sudtirol.

Un bel test. Sono in salute, non sarà per niente facile”.

Sabato la Pro Vercelli tra le candidate alla promozione?

Abbiamo due partite ravvicinate in una settimana. La Pro Vercelli è un0altra squadra forte che per me può essere candidata a vincere".