INTERVISTA TC - Grosso: "Arzignano perfetto punto di partenza per me"

09.08.2022 16:00 di Raffaella Bon   vedi letture
INTERVISTA TC - Grosso: "Arzignano perfetto punto di partenza per me"

Edoardo Grosso, nuovo difensore dell'Arzignano Valchiampo, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di TuttoC.com per raccontarci il suo approdo ai veneti: "Tutto è iniziato un mesetto fa, un'opportunità nata tra l'intesa del mio agente e del direttore sportivo Serafini. Si sono sentiti e hanno deciso di portarmi in ritiro per cercare la conferma finale, arrivata dopo un paio di settimane. Era l'opportunità che volevo, per dimostrare di essere all'altezza di un livello superiore, non avendo mai giocato in questa categoria. È un punto di partenza per me, perché sono molto giovane, per arrivare sempre più in alto e migliorare sempre più".

Come ti aspetti il salto dalla D alla C?
"Sarà un grande stimolo, come lo è stato passare l'anno scorso dalla Primavera ai grandi. Sarà il mio primo campionato professionistico e non vedo l'ora di confrontarmi con giocatori più bravi. I miei compagni possono aiutarmi a migliorare, gli avversari possono tirare fuori il meglio di me come stimolo".

Il tuo ruolo preferito?
"Posso giocare all'occorrenza anche terzino, mi metto a disposizione non avendo neanche vent'anni, questa è una caratteristica fondamentale. La cosa migliore da fare è essere a disposizione della squadra e del mister". 

Vieni da un bel campionato con il Sestri Levante, che ha attirato le attenzioni della Serie C.
"Sì, è stato un buon torneo, sono riuscito a collezionare 31 presenze totali, segnando due gol. Un campionato che mi ha formato moltissimo, perché per la prima volta ho giocato con compagni e avversari più grandi che per forza di cose ti insegnano qualcosa. I cosiddetti trucchetti del mestiere ho iniziato pian piano a impararli, cose che nei campionati giovanili sono anche difficili da comprendere. È vero, qualche altra squadra di C mi ha cercato, ma l'Arzignano è stata la scelta migliore: una società molto seria e un clima familiare. Non vedo l'ora di iniziare".

Vieni dal settore giovanile dell'Entella, secondo te è l'anno buono per il ritorno in B dei liguri?
"È una squadra molto forte. L'anno scorso purtroppo non ce l'hanno fatta, però credo che abbiano tutte le carte in regola per puntare alla promozione diretta. Ricordiamoci che sono usciti col Palermo, che poi è andato in B".

Un obiettivo personale per la prossima stagione?
"Deve essere un campionato di assestamento nella categoria, voglio conoscere al meglio l'ambiente, imparare il più possibile con lavoro e umiltà. E giocare quanto più possibile".